Alguer.it
Notizie    Video   
NOTIZIE
Alguer.it su YouTube Alguer.it su Facebook Alguer.it su Twitter
Alguer.itnotiziesardegnaPoliticaPolitica › «Governo riveda politiche turistiche»
Red 20 agosto 2012
L´appello arriva dal Governatore sardo Ugo Cappellacci, che ritorna sulle questioni relative al turismo diportistico e ai collegamenti marittimi da e per la Sardegna
«Governo riveda politiche turistiche»


CAGLIARI - «Le politiche del Governo nazionale, che da un lato ha consentito di portare a termine la vendita della Tirrenia, con la ricomposizione di fatto del cartello degli armatori, e dall'altro ha penalizzato gravemente il turismo diportistico, rappresentano una tenaglia dannosa per l’economia sarda e nazionale». Così il presidente della Regione Ugo Cappellacci ritorna sulle questioni relative al turismo diportistico e ai collegamenti marittimi da e per la Sardegna.

«Le cifre rilevate dall'Osservatorio nautico nazionale - ha aggiunto il Governatore - rappresentano molto di più di un allarme e impongono un’inversione di rotta da parte di un esecutivo che si era presentato con una tassa e che ha portato avanti in questi mesi una politica aggressiva, il cui unico risultato é quello si spingere i diportisti verso altre coste, con grave pregiudizio in termini imprenditoriali e occupazionali anche per il settore della nautica e dell'indotto. L’atteggiamento vessatorio posto in essere dal Governo, anziché incidere su situazioni qualificabili come lusso, rischia invece di sortire conseguenze dannose nei confronti di migliaia di lavoratori».

«Allo stesso modo in cui ci siamo opposti alla cosiddetta tassa di stazionamento, ci opporremo a logiche che atrofizzano la nostra economia anziché salvarla. Questo si aggiunge alla scellerata cessione della Tirrenia e una politica dei collegamenti marittimi che perpetua un sistema lesivo dei diritti dei cittadini, primo tra tutti quello alla mobilità dei Sardi, delle regole del libero mercato e certamente non rispondenti al principio di insularità. La politica tariffaria posta in essere dagli armatori, che qualcuno vorrebbe nascondere attraverso poco credibili operazioni di immagine - prosegue Cappellacci - é la causa che scoraggia molti potenziali visitatori della nostra isola».

«Il Governo non può stare a guardare o, peggio ancora, avallare questa azione con le risorse pubbliche che Tirrenia porta nella sua pancia. La Regione - conclude - continuerà a richiamare l’attenzione dell'Unione Europa sulla questione e ad agire in tutte le sedi per tutelare i diritti dei Sardi, come cittadini, come imprenditori e come lavoratori».
Commenti
3/2/2016
Il leader della Lega incontrerà i simpatizzanti del movimento Noi con Salvini a Cagliari, Alghero e Olbia. Tutti gli appuntamenti
3/2/2016
Sono in vena di suggerimenti, pertanto, chiedo alla Dottoressa, come d’altronde al Presidente Serra, di essere chiara, spiegare quello che voleva dire, dopo di che, chiedere scusa e rettificare quanto detto
3/2/2016
«Una casa di cura privata sulla spiaggia è vero sfregio a Cagliari». Sul futuro dell´ex Ospedale Marino è nettissimo il candidato sindaco di #CA_mbia CA_gliari, Pierpaolo Vargiu
4/2/2016
Civicamente saluta con soddisfazione l’accordo tra Meridiana e Qatar Foundation of Endowment teso a garantire i necessari collegamenti per consentire al polo ospedaliero Mater Olbia e al suo centro di ricerca di operare nelle migliori condizioni possibili
4/2/2016
Proseguono le notifiche degli avvisi di conclusione dell´indagine preliminare dell´inchiesta-bis sul presunto utilizzo illecito dei fondi destinati ai gruppi dei Consiglio Regionale
5/2/2016
Così Michele Pais segnala le scarse sedute del Consiglio comunale ad Alghero, chiedendo al sindaco le dimissioni e annunciando di voler rivolgersi al Prefetto
4/2/2016
«Per la prima volta al Parlamento di Strasburgo è stata votata e approvata la risoluzione, da me presentata, sulla Condizione di Insularità per le nostre Isole. E´ un passo concreto e decisivo per iniziare a crescere. Andiamo avanti!», dichiara l´eurodeputato del Ppe Salvatore Cicu
© 2000-2016 Mediatica sas