Alguer.it
Notizie    Video   
NOTIZIE
Alguer.it su YouTube Alguer.it su Facebook Alguer.it su Twitter
Alguer.itnotiziesardegnaPoliticaPolitica › «Governo riveda politiche turistiche»
Red 20 agosto 2012
L´appello arriva dal Governatore sardo Ugo Cappellacci, che ritorna sulle questioni relative al turismo diportistico e ai collegamenti marittimi da e per la Sardegna
«Governo riveda politiche turistiche»


CAGLIARI - «Le politiche del Governo nazionale, che da un lato ha consentito di portare a termine la vendita della Tirrenia, con la ricomposizione di fatto del cartello degli armatori, e dall'altro ha penalizzato gravemente il turismo diportistico, rappresentano una tenaglia dannosa per l’economia sarda e nazionale». Così il presidente della Regione Ugo Cappellacci ritorna sulle questioni relative al turismo diportistico e ai collegamenti marittimi da e per la Sardegna.

«Le cifre rilevate dall'Osservatorio nautico nazionale - ha aggiunto il Governatore - rappresentano molto di più di un allarme e impongono un’inversione di rotta da parte di un esecutivo che si era presentato con una tassa e che ha portato avanti in questi mesi una politica aggressiva, il cui unico risultato é quello si spingere i diportisti verso altre coste, con grave pregiudizio in termini imprenditoriali e occupazionali anche per il settore della nautica e dell'indotto. L’atteggiamento vessatorio posto in essere dal Governo, anziché incidere su situazioni qualificabili come lusso, rischia invece di sortire conseguenze dannose nei confronti di migliaia di lavoratori».

«Allo stesso modo in cui ci siamo opposti alla cosiddetta tassa di stazionamento, ci opporremo a logiche che atrofizzano la nostra economia anziché salvarla. Questo si aggiunge alla scellerata cessione della Tirrenia e una politica dei collegamenti marittimi che perpetua un sistema lesivo dei diritti dei cittadini, primo tra tutti quello alla mobilità dei Sardi, delle regole del libero mercato e certamente non rispondenti al principio di insularità. La politica tariffaria posta in essere dagli armatori, che qualcuno vorrebbe nascondere attraverso poco credibili operazioni di immagine - prosegue Cappellacci - é la causa che scoraggia molti potenziali visitatori della nostra isola».

«Il Governo non può stare a guardare o, peggio ancora, avallare questa azione con le risorse pubbliche che Tirrenia porta nella sua pancia. La Regione - conclude - continuerà a richiamare l’attenzione dell'Unione Europa sulla questione e ad agire in tutte le sedi per tutelare i diritti dei Sardi, come cittadini, come imprenditori e come lavoratori».
Commenti
11:15
L´ex sindaco Carlo Sechi parla di «fallimento della missione» per la Fondazione (e la Secal) e ne chiede pubblicamente la «liquidazione». Il gruppo consigliare di Forza Italia (che Meta e Secal le hanno create con Tedde sindaco) difendono le scelte del passato e attaccano
10:47
I sindaci della Rete metropolitana, che ben si sono guardati a febbraio dall’erigere barricate contro la presa in giro della Rete per consiglieri riottosi, litigano per percentuali di gestione del nulla e si comportano come quella guardia giurata della famosa barzelletta che faceva la guardia al “cassonetto della spazzatura”
23/5/2016
L´ex sindaco, leader del movimento di sinistra Sardenya I Llibertat chiede al Primo cittadino lo scioglimento della Fondazione che si occupa della gestione degli eventi turistici e culturali ad Alghero. Parole durissime sui conti, l´amministrazione e i risultati
14:46
«Al di la delle dichiarazioni trionfalistiche circa l’approvazione del Bilancio di previsione 2016, la realtà dei fatti evidenzia tutta un’altra storia che racconta del pressapochismo e della inadeguatezza di questa Amministrazione comunale, che non manca occasione per darne ampia prova», attacca il consigliere forzista
16:05
Sabato 28 maggio, dalle ore 11 alle ore 18.40, e domenica 29, dalle ore 10.30 alle ore 18.50, sarà possibile conoscere gli interni di quella che fu una delle prime grandi fabbriche della Sardegna
23/5/2016
Nel corso della giornata, il Presidente e gli assessori saranno impegnati in una serie di incontri con i rappresentanti istituzionali e di categoria nel territorio. Firma dell´Iti
© 2000-2016 Mediatica sas