Alguer.it
Notizie    Video   
NOTIZIE
Alguer.it su YouTube Alguer.it su Facebook Alguer.it su Twitter
Alguer.itnotiziesardegnaCronacaCronaca › Orani: è caccia al complice assassino
Sabrina Brandone 15 settembre 2012
Continua la caccia all´assassino rapinatore che nella mattinata di venerdì, durante una rapina in una gioielleria di Orani, ha ucciso il suo complice. L´uomo è fuggito a piedi portando con sé il bottino e la registrazione della rapina, ripresa dalle telecamere di videosorveglianza del negozio
Orani: è caccia al complice assassino


NUORO - E' finito tragicamente nel sangue la rapina avvenuta venerdì nel paese di Orani. Uno dei due rapinatori, Francesco Menneas, 22 anni di Orgosolo, è stato ucciso con un colpo alla testa, partito accidentalmente dall'arma del complice. Inutili gli interventi chirurgici cui è stato sottoposto, il giovane è morto dopo qualche ora all'ospedale di Nuoro. Erano le 10 di mattina, quando due giovani armati entrano nella gioielleria Dessolis.

All'interno del negozio, oltre al proprietario, c'è un rappresentante. Durante il blitz uno dei malviventi perde il caricatore di una mitraglietta e nel tentativo di ricaricarla, ha esploso accidentalmente un colpo, ferendo così il complice, Francesco Menneas. Il criminale si da immediatamente alla fuga a piedi, non prima però di aver portato via con lucidità e freddezza, il bottino e la registrazione delle immagini dell'impianto di videosorveglianza. Ora è caccia all'uomo. C'è stretto riserbo per le indagini della Compagnia dei Carabinieri di Ottana, che stamattina hanno tenuto un vertice in Procura a Nuoro.

Gli inquirenti stanno seguendo diverse piste, a partire all'identificazione del rapinatore Francesco Menneas, 22 anni appena. Il giovane era incensurato. I carabinieri ipotizzano che oltre ai due esecutori del colpo, vi siano stati altri complici. Ipotesi che potrebbero portare a sviluppi nelle prossime ore. Per ora, l'unico elemento utile alle indagini è la traccia lasciata dal proiettile partito accidentalmente dalla mitraglietta. Infatti, il tipo di arma utilizzata potrà aiutare gli inquirenti nelle indagini.
Commenti
13:56
I Carabinieri della locale Compagnia, nell’ambito dei servizi a contrasto dell’illegalità diffusa e delle cosiddette “stragi del sabato sera”, nonché della prevenzione illeciti connessi al fenomeno della “movida”, hanno controllato 153 persone, 82 veicoli ed un esercizio pubblico
17:17
Grave intimidazione nei confronti di un noto avvocato del foro di Sassari. Due buste con proiettili e miccia detonante sono arrivate al suo indirizzo nei giorni scorsi. Indagini dei carabinieri
25/3/2017
Circa duecento ultras cagliaritani, arrivati nella stazione ferroviaria turritana in vista dell´amichevole sul campo del Sorso, sono entrati a contatto con quelli sassaresi, nella zona tra Corso Vico e Porta Sant´Antonio. Almeno sei le persone che hanno dovuto ricorrere a cure mediche
16:46
Dopo gli scontri di sabato scorso a Sassari, è pronta una circolare da inviare a tutte le agenzie di autonoleggio affinché informino la questura sui viaggi previsti dalle tifoserie in trasferta
16:53
La Questura di Palermo ha vietato la vendita di biglietti per il settore ospiti per il match del 2 aprile prossimo in Sicilia. La decisione è stata presa dopo gli scontri avvenuti sabato scorso a Sassari
16:28
Scontri a Sassari, Nicola Sanna: «La città vuole chiarezza» Il sindaco scrive al ministro dell´Interno Domenico Minniti.
25/3/2017
Un 29enne cagliaritano è stato arrestato per resistenza aggravata a pubblico ufficiale e lesioni personali e reati previsti dalla normativa sulle manifestazioni sportive
25/3/2017
«E´ opportuno che venga fatta subito chiarezza sule responsabilità», chiede il presidente del Consiglio regionale Gianfranco Ganau. Il sindaco di Sassari Nicola Sanna in contatto con questore e prefetto. Il primo cittadino di Cagliari Massimo Zedda scrive al collega sassarese
26/3/2017
«Niente a che fare con il calcio, bisogna chiarire se è stato fatto tutto per prevenire le violenze», auspica il senatore del Partito Democratico
8:10
Una lettera minatoria, con un proiettile nella busta, è stata recapitata ad una maestra elementare di Oliena, che insegna nel vicino paese di Mamoiada. La solidarietà del sindaco e dell´assessore regionale
© 2000-2017 Mediatica sas