Alguer.it
Notizie    Video   
NOTIZIE
Alguer.it su YouTube Alguer.it su Facebook Alguer.it su Twitter
Alguer.itnotiziealgheroAmbienteAmbiente › Piste ciclabili pericolose: dossier
C.S. 21 settembre 2012
Sui pericoli delle piste ciclabili di Alghero il Wwf ha realizzato un dossier inviato al Sindaco Stefano Lubrano e al Comandante dei Vigili Urbani
Piste ciclabili pericolose: dossier

ALGHERO - Alghero ha speso tanti soldi pubblici per fare le piste ciclabili e allora pedaliamo. Si viaggiamo in bici per la città, per contribuire ad una mobilità sostenibile, ma fate attenzione - come dice Lucio Battisti - “alle buche più dure” e come denunciano al Wwf che, sui pericoli delle piste ciclabili, ha realizzato un dossier inviato al Sindaco Stefano Lubrano e al Comandante dei Vigili Urbani. Si parte con le buche della pista ciclabile che dal porto di Alghero, sulla via Garibaldi, raggiunge l’ospedale marino in viale I° Maggio.

Il dossier del Wwf evidenzia le buche in prossimità dei tombini che risultano infossati rispetto al livello stradale; tombini con griglie disposte parallele e non trasversalmente rispetto all’asse viario, tutte trappole per ciclisti. Particolarmente pericolosa una vera e propria buca, assimilabile ad una sorta di voragine, che avrebbe già causato la caduta di un ciclista poco prima che gli ambientalisti iniziassero a scattare le foto per il dossier.

Tuttavia gli autori della segnalazione, il punto più critico e pericoloso ritengono sia il tratto finale della pista nei pressi del semaforo (ora spento) tra il Camping Mariposa e l’Ospedale Regina Margherita in viale I° Maggio, in quanto le auto in direzione Alghero si trovano le biciclette contromano, senza che ci sia un segnale stradale che informi dell’inizio della pista e del restringimento di carreggiata.

Le foto scattate dagli attivisti del Wwf sembrano dimostrare pienamente queste affermazioni. Certo la pista non è conclusa e i lavori dovranno riprendere in autunno, la situazione è solo temporanea, però gli ambientalisti chiedono interventi urgenti di messa in sicurezza. E allora, dopo le “riparazioni” necessarie sulla pista ciclabile si potrà in sicurezza “ripartire certamente non volare ma viaggiare”. Dove il volare, oggi, sta per “volare” per terra a causa delle buche.

Foto dossier Wwf Alghero
Commenti
16:38
Il polmone verde di Alghero alla mercé di vandali e incivili. Rifiuti in ogni angolo. Dopo aver riassestato il servizio, con discreti risultati, nel centro urbano, le attenzioni dell'Assessorato si concentrano a Maria Pia. Nuovi bidoni in tutti gli stabilimenti e operai al lavoro
21/6/2017
«Sarà una coincidenza ma quando qualcuno segnala il problema dello Scoglio Lungo, solitamente viene subito etichettato come terrorista da un rappresentante delle istituzioni che tende a negare o a minimizzare il problema». Il presidente del Comitato tuteliamo il Golfo dell’Asinara, Giuseppe Alesso critica aspramente le affermazioni fatte dall’assessore all’Ambiente Cristina Biancu
21:59
Il centro ogliastrino, primo Comune in Sardegna sopra i 10mila abitanti per produzione di rifiuti free, ovvero per aver puntato alla riduzione di rifiuto secco non riciclabile attestandosi ben al di sotto degli standard fissati, è stato premiato a Roma da Legambiente
20/6/2017
Nei giorni scorsi è stata allestita una tenda da campeggio con tanto di materassi, bombola a gas e altre attrezzature capaci di mettere a rischio la sicurezza dell’area verde di fronte la spiaggia di Balai
18:29
L’appuntamento è per domani, venerdì 23 giugno all’Isola dell’Asinara, alle ore 10.30, bordo di Goletta Verde, la storica imbarcazione di Legambiente a tutela del mare e delle coste italiane
21/6/2017
Le serate si svolgeranno alle ore 18.30 in tre diverse zone del Comune: giovedì 29 giugno presso il Museo del Porto; lunedì 3 luglio presso la palestra “A. Nardi” della Scuola Bellieni in Piazza Don Milani e mercoledì 5 luglio presso la sala Ristorante “Li Lioni”
20/6/2017
Il giacimento archeologico di Cala Reale è stato riaperto al pubblico. All'inaugurazione del sito sommerso dell’Asinara con i suoi 38 mila frammenti di anfore anche il soprintendente Francesco Di Gennaro e dell’archeologa Gabriella Gasperetti
© 2000-2017 Mediatica sas