Alguer.it
Notizie    Video   
NOTIZIE
Alguer.it su YouTube Alguer.it su Facebook Alguer.it su Twitter
Alguer.itnotiziealgheroAmbienteAmbiente › Piste ciclabili pericolose: dossier
C.S. 21 settembre 2012
Sui pericoli delle piste ciclabili di Alghero il Wwf ha realizzato un dossier inviato al Sindaco Stefano Lubrano e al Comandante dei Vigili Urbani
Piste ciclabili pericolose: dossier

ALGHERO - Alghero ha speso tanti soldi pubblici per fare le piste ciclabili e allora pedaliamo. Si viaggiamo in bici per la città, per contribuire ad una mobilità sostenibile, ma fate attenzione - come dice Lucio Battisti - “alle buche più dure” e come denunciano al Wwf che, sui pericoli delle piste ciclabili, ha realizzato un dossier inviato al Sindaco Stefano Lubrano e al Comandante dei Vigili Urbani. Si parte con le buche della pista ciclabile che dal porto di Alghero, sulla via Garibaldi, raggiunge l’ospedale marino in viale I° Maggio.

Il dossier del Wwf evidenzia le buche in prossimità dei tombini che risultano infossati rispetto al livello stradale; tombini con griglie disposte parallele e non trasversalmente rispetto all’asse viario, tutte trappole per ciclisti. Particolarmente pericolosa una vera e propria buca, assimilabile ad una sorta di voragine, che avrebbe già causato la caduta di un ciclista poco prima che gli ambientalisti iniziassero a scattare le foto per il dossier.

Tuttavia gli autori della segnalazione, il punto più critico e pericoloso ritengono sia il tratto finale della pista nei pressi del semaforo (ora spento) tra il Camping Mariposa e l’Ospedale Regina Margherita in viale I° Maggio, in quanto le auto in direzione Alghero si trovano le biciclette contromano, senza che ci sia un segnale stradale che informi dell’inizio della pista e del restringimento di carreggiata.

Le foto scattate dagli attivisti del Wwf sembrano dimostrare pienamente queste affermazioni. Certo la pista non è conclusa e i lavori dovranno riprendere in autunno, la situazione è solo temporanea, però gli ambientalisti chiedono interventi urgenti di messa in sicurezza. E allora, dopo le “riparazioni” necessarie sulla pista ciclabile si potrà in sicurezza “ripartire certamente non volare ma viaggiare”. Dove il volare, oggi, sta per “volare” per terra a causa delle buche.

Foto dossier Wwf Alghero
Commenti
20/10/2014
Alle recenti dichiarazioni del docente dell´Università di Sassari, Nicola Sechi, in merito alla marea gialla, replica duramente il geometra algherese Raffaele Cadinu. Di seguito la sua lettera integrale
19:00
Qualsiasi intervento, dunque, di Abbanoa, non cambierebbe nulla dello stato attuale. I costi resterebbero invariati con tendenza al rialzo; e la variazione della qualità dell’acqua di scarico non cambierebbe nulla nè alla situazione di Calich e spiagge, nè ai suoi rischi di utilizzo irriguo
21/10/2014
Il sindaco Mario Bruno, alla luce della sospensione dell’autorizzazione allo scarico dell’impianto di depurazione di San Marco da parte della Provincia, ha avuto un primo incontro con l’Amministratore Abbanoa. Mercoledì a Cagliari il tavolo tecnico-operativo con Regione ed enti coinvolti nelle gestione e protezione dell’ecosistema Calich
20/10/2014
Stamane il sindaco incontra il prefetto per discutere della pulizia del rio Calvia in previsione delle piogge. Martedì sarà la volta del direttore generale di Abbanoa con cui procederà ad un sopralluogo all´impianto di depurazione di San Marco
21/10/2014
La fitta vegetazione crea condizioni di potenziale pericolo al verificarsi di precipitazioni meteoriche. Firmata l’ordinanza urgente per la messa in sicurezza del Rio Calvia in località Ungias
17:11
Giovedì 23 ottobre è prevista la disinfestazione anti-scarafaggi nelle vie San Giovanni, Giardini e San Giacomo: ecco le precauzioni necessarie
© 2000-2014 Mediatica sas