Alguer.it
Notizie    Video   
NOTIZIE
Alguer.it su YouTube Alguer.it su Facebook Alguer.it su Twitter
Alguer.itnotiziesardegnaOpinioniRegionePigliaru è il presidente dei Sardi e non può tacere
iRS 13 agosto 2014
L'opinione di iRS
Pigliaru è il presidente dei Sardi e non può tacere


Riteniamo vergognoso che alcuni deputati sardi abbiano votato a favore del DL 91 del 24 giugno 2014, il decreto "annulla-bonifiche" ora è legge grazie al passaggio alla Camera e al Senato senza modifiche sostanziali del testo: dunque esso prevede che per la valutazione dei tassi di inquinamento nelle aree del demanio, destinate ad uso esclusivo delle forze armate per attività connesse alla difesa nazionale, vengano applicate le medesime concentrazioni di soglia di contaminazione previste per l'industria; significa che per le zone di esercitazione militare, da Teulada a Quirra fino a Capo Frasca, sono previste soglie superiori fino a 100 volte rispetto ai limiti applicati fino ad oggi.

Invitiamo il presidente Pigliaru a prendere una posizione chiara in merito a questi ultimi avvenimenti. Pigliaru è il presidente dei Sardi e non può tacere davanti a un atto grave come questo. E’ evidente che il governo italiano anche in questo caso ha agito in maniera diametralmente opposta agli interessi della Sardegna, con l'appoggio imbarazzante di diversi politici sardi. Da molto tempo i sardi stanno manifestando, in varie forme, la propria contrarietà a questa umiliazione e la Giunta Regionale deve chiarire una volta per tutte da che parte sta: dalla parte dei diritti del popolo sardo o al contrario dalla parte delle esercitazioni militari, come quelle che dovrebbero riprendere dal 21 settembre nelle aree di Quirra e Capo Frasca.

Continuamo ad esprimere la propria contrarietà all’uso del territorio sardo per la sperimentazioni belliche di qualsiasi tipologia, a prescindere dal fatto che a testarli sia l’esercito israeliano o meno. Ribadiamo che la Sardegna deve essere una terra di pace e non territorio strategico sul quale testare armi e strategie per operazioni di guerra. Quale altro prezzo in termini di danni ambientali e morti devono pagare i sardi prima che cessino le esercitazioni? Ci impegneremo a tutti i livelli affinchè l'apparato militare italiano in Sardegna venga completamente smantellato, eseguite le bonifiche necessarie e quantificata l'entità del danno economico, sanitario ed ambientale che decenni di sperimentazini belliche hanno provocato all'Isola.

*Ofìtziu de Imprenta de iRS indipendèntzia Repùbrica de Sardigna
Commenti
23:37
Si va verso il corso-concorso e l´ampliamento degli spazi per la mobilità. Via libera all´ipotesi del contratto
23/4/2018
«Garanzia di controllo interno e nei rapporti con la Corte dei conti», sottolinea l´assessore regionale del Bilancio Raffaele Paci
21/4/2018
Si è svolto ieri mattina, a Villa Devoto, l’incontro del presidente della Regione autonoma della Sardegna e l’ambasciatore della Repubblica di Serbia a Roma Goran Aleksic. Nella visita, mossa dall´intento di favorire ed approfondire le relazioni con la Regione, è emerso il reciproco interesse a favorire scambi imprenditoriali e culturali
© 2000-2018 Mediatica sas