Alguer.it
Notizie    Video   
NOTIZIE
Alguer.it su YouTube Alguer.it su Facebook Alguer.it su Twitter
Alguer.itnotiziealgheroCronacaCronaca › La donna confessa. La tragedia dopo liti e botte
S.A. 11 settembre 2014
La donna ha confessato dopo un lungo interrogatorio. Il raptus dopo l´ennesimo litigio. Lei stessa ha ammesso una situazione familiare difficile, di botte e minacce subite
La donna confessa
La tragedia dopo liti e botte


ALGHERO - Ha confessato dopo un lungo interrogatorio Roberta Gasperini - che ora si trova nel carcere di Bancali - la donna che ieri pomeriggio ha accoltellato il marito Pietro Girardi in una villetta nelle campagne di Alghero [LEGGI] e [GUARDA]. Con lei nella caserma di via Don Minzoni la figlia Maria Lucrezia, di 22 anni, che ha dato l'allarme ai carabinieri di Alghero che per primi sono arrivati sul posto. Seguiti dalle autoambulanze del 118, il magistrato di turno Corinna Carrara e il medico legale Salvatore Lorenzoni.

Davanti a loro una scena straziante: la donna era ancora nella camera da letto piena di sangue, con il corpo del marito vicino appena colpito da tre fendenti con un coltello da cucina. Tra i due era scoppiato poco prima l'ennesimo litigio. Lei stessa ha ammesso una situazione familiare difficile, di botte e minacce subite, con alcuni aspetti poco chiari e su cui si stanno concentrando le indagini. Anche due settimane fa' sarebbe finita al Pronto soccorso dopo una discussione degenerata.

La famiglia viveva nell'abitazione di Ungias-Galantè da quattro anni e avrebbe dovuto lasciarla a fine mese. Non è chiara la professione di entrambi che alternavano i soggiorni algheresi con dei periodi trascorsi nella zona di Varese, di cui è originaria la Gasperini. Le verifiche nella villa sono proseguite per ore da parte degli uomini del Nucleo Investigativo del Comando provinciale di Sassari, recatisi sul posto anche questa mattina.
Commenti
19:32
Continua l’attività della Squadra di Polizia Amministrativa della Divisione Pasi della Questura di Sassari che, con la collaborazione dell’Ufficio locale Marittimo Guardia Costiera di Porto Cervo e del dirigente veterinario del Servizio Igiene Alimenti di origine animale della Asl 2 di Olbia, hanno effettuato dei controlli su diverse attività di apertura stagionale, ricadenti nel territorio del Comune di Arzachena
16:08
Oltre 200 persone identificate, 150 mezzi e dieci locali controllati. E´ il bilancio del primo straordinario controllo del territorio portato a termine dai Carabinieri della Compagnia di Cagliari e del Nas
12:27
La Squadra Mobile della Questura di Sassari ha identificato e segnalato all’Autorità Giudiziaria un 37enne greco responsabile di truffa pluriaggravata in ambiente sportivo
24/6/2016
Due delle quattro strutture messe a disposizione dei clienti come servizio sostitutivo di acqua potabile, in occasione dei lavori al potabilizzatore di Bidighinzu, sono state danneggiate nelle prime ore della mattina in Viale Adua ed in Via Pirandello
23/6/2016
I giudici della Corte d´Appello di Cagliari hanno confermato la pena per l´ex assessore regionale dei Trasporti Marco Carboni, accusato di aver aggredito l´ex moglie tre anni fa
24/6/2016
I finanzieri della Tenenza di Sanluri hanno scoperto un sofisticato sistema di elusione fiscale posto in essere da un’impresa del Medio Campidano operante nel settore immobiliare
23/6/2016
Una suora di mezza età è caduta nella trappola di una falsa direttrice di banca e di un falso avvocato che hanno approfittato del suo dolore, per la morte di una consorella alla quale era particolarmente legata, per farsi consegnare attraverso un bonifico bancario la somma di 3500euro
23/6/2016
I reati contestati dai Carabinieri ai due proprietari sono incendio in concorso, simulazione di reato, danneggiamento fraudolento di beni assicurati al fine di ottenere un indennizzo assicurativo
24/6/2016
Denunciato a piede libero T.H., tunisino di 19 anni, perché trovato in possesso di una Mountain Bike marca Scott rubata poco prima
23/6/2016
I giudici sassaresi hanno riconosciuto che i due ex operai erano stati effettivamente sottoposti alle inalazioni per più di vent´anni, dal 1973 al 1996, la Corte d´appello ha dato loro ragione e ha disposto che l´Inps riveda la loro anzianità contributiva
© 2000-2016 Mediatica sas