Alguer.it
Notizie    Video   
NOTIZIE
Alguer.it su YouTube Alguer.it su Facebook Alguer.it su Twitter
Alguer.itnotiziesardegnaOpinioniPoliticaDopo la Scozia niente sarà più come prima
Giacomo Sanna 19 settembre 2014
L'opinione di Giacomo Sanna
Dopo la Scozia niente sarà più come prima


Lo straordinario risultato degli indipendentisti scozzesi conferma che dopo il voto del 18 settembre niente, in Europa, sarà come prima. L’affluenza record alle urne e il 45% dei sì al quesito indipendentista apre, infatti, un nuovo processo di democrazia e libertà che si estende a tutte le nazioni senza Stato del vecchio Continente, ad incominciare dalla Catalogna che, il prossimo 9 novembre, sarà chiamata a decidere del proprio destino.

Il percorso della costruzione dell’Europa dei popoli è dunque una strada ormai tracciata ed è all’interno di questo cammino democratico e identitario che la Sardegna è chiamata a scegliere il proprio futuro. Il referendum per l’indipendenza non è, infatti, solo la priorità politica del Psd’Az ma è il progetto che dovrà unire tutte le forze politiche e i movimenti che in Sardegna lottano per il diritto all’autogoverno e per la libertà del popolo sardo.

Il bilinguismo e il referendum rappresentano quindi il banco di prova che ci attende: tutti. Il Partito sardo su questi temi c’era, c’è, e ci sarà, insieme con il suo patrimonio di ideali, di valori e di storia che erano, sono, e saranno nella disponibilità di quanti con noi vogliono battersi per una Sardegna indipendente in una nuova Europa dei popoli.

* Presidente del Partito Sardo D'Azione
Commenti
16:47
Avviata la class action di Unidos per fermare le cartelle del gestore dell´acqua arrivate nelle scorse settimane nelle cassette delle poste dei sardi. I legali hanno depositato il ricorso nel Tribunale di Cagliari
9:18
La sezione sassarese di CasaPound Italia interviene in merito «al totale degrado in cui versa Piazzale Segni, vetrina dei maggiori eventi sportivi e culturali cittadini»
27/6/2016
E’ assurdo che ogni decisione venga calata dall’alto, da Roma, lasciando poi alle comunità, alle Forze dell’ordine, ai volontari il compito di arrangiarsi di fronte ad un fenomeno di proporzioni gigantesche
© 2000-2016 Mediatica sas