Alguer.it
Notizie    Video   
NOTIZIE
Alguer.it su YouTube Alguer.it su Facebook Alguer.it su Twitter
Alguer.itnotiziealgheroPoliticaAmbiente › Quattro orti urbani per Alghero. Bando per i contadini di città
Sara Alivesi 22 settembre 2014
Le aree che saranno destinate alla coltivazione saranno via Venti Settembre con via Mazzini; via Costa con via degli Orti; il Carmine; via Corsica. Si potranno dividere in lotti la cui assegnazione avverrà tramite un bando con durata triennale
Quattro orti urbani per Alghero
Bando per i contadini di città


ALGHERO - In tempi di crisi si ritorna alla terra. Chi ricomincia a coltivare un terreno di famiglia trascurato da tempo, chi si mette a farlo in città, negli orti urbani che nelle città italiane stanno spopolando. E' una tendenza nata in Europa ma che sta prendendo piede anche in Italia dove sono circa 21 milioni secondo la Coldiretti i contadini di città e 1,1 milioni i metri quadri di terreno di proprietà comunale divisi in piccoli appezzamenti e adibiti alla coltivazione ad uso domestico, all’impianto di orti e al giardinaggio ricreativo.

C’è un orto urbano nel 44 per cento dei comuni italiani capoluoghi di provincia con una netta prevalenza al Nord Ovest del paese dove sono il 72 per cento quelli che hanno previsto un orto condiviso. A Bologna gli orti urbani si sono addirittura trasformati in cooperativa di coltivatori e consumatori, con un centinaio di soci fruitori e qualche dipendente a tempo pieno.

Alghero si sta preparando a questa rivoluzione culturale. Un processo già iniziato nella precedente legislatura e che in questa nuova si sta concretizzando tanto che il regolamento sarà sottoposto al vaglio della Giunta già dal prossimo mercoledì. Un precedente in città c'era stato negli anni scorsi con alcune scuole che avevano realizzato un progetto in collaborazione con l'associazione Corallo Verde. Ora la politica locale si porta avanti con una delibera che ha come obiettivo la promozione di pratiche di orticultura innovativa e rivitalizzazione degli spazi verdi in disuso o abbandonati. Ma anche forme di auto-organizzazione dei cittadini attraverso dei modelli di fruizione collettiva degli spazi pubblici, di socializzazione e di miglioramento del paesaggio urbano. Le aree che saranno destinate alla coltivazione saranno quattro: via Venti Settembre con via Mazzini; via Costa con via degli Orti; il Carmine; via Corsica. Ciascuna area sarà divisa in lotti da destinare ad anziani, scuole ed università, associazioni e ordinari. L'assegnazione avverrà tramite un bando e avrà una durata triennale.
Commenti
7:47
La decisione in seguito alla discussione del punto all’ordine del giorno nell’ultimo consiglio comunale richiesto dal consigliere sardista Davide Tellini
17:10
Parteciperanno oltre 300 studenti che accompagneranno i visitatori in luoghi, mostre e manifestazioni che si svolgeranno sabato 25 e domenica 26 marzo
11:39
«Migliore qualità dei dati e riduzione dei tempi», auspica l´assessore regionale della Difesa dell´Ambiente Donatella Spano, al termine della sperimentazione, durata due anni, del Modulo osservatorio rifiuti urbani
21/3/2017
L’associazione culturale “Nuovi Orizzonti per Castelsardo" ha organizzato una conferenza sui villaggi abbandonati in Anglona, i casi di Castelsardo, Nulvi, Chiaramonti, Martis
22/3/2017
L’Amministrazione regionale assicura un contributo forfetario annuo di 5mila euro per ciascuna Compagnia e di 300 euro per barracello, per le spese generali, l’assicurazione obbligatoria contro gli infortuni, l’equipaggiamento e le attrezzature
21/3/2017
Le segreterie territoriali Fp Cgil e Fit Cisl sospendono le due giornate di sciopero proclamate per i giorni venerdì 24 e sabato 25 marzo con riserva di eventuale successiva riattivazione della protesta. In seguito alla decisione delle organizzazioni sindacali nelle giornate di venerdì 24 e sabato 25 marzo sarà garantito il regolare svolgimento della raccolta
20/3/2017
Dopo Wwf e Lipu, anche Gruppo d´Intevento Giuridico interviene sui lavori in corso nel promontorio algherese. L’associazione ecologista ha inoltrato una richiesta di informazioni ambientali anche alla Commissione Europea
© 2000-2017 Mediatica sas