Alguer.it
Notizie    Video   
NOTIZIE
Alguer.it su YouTube Alguer.it su Facebook Alguer.it su Twitter
Alguer.itnotiziealgheroCulturaLibri › Éntula: Cassitta a Siligo e Alghero
A.B. 23 settembre 2014
Prosegue il tour dello scrittore oristanese, che presenta il suo sesto romanzo, Le destinazioni del cielo, Arkadia Editore
Éntula: Cassitta a Siligo e Alghero


ALGHERO - Due nuovi appuntamenti con il magistrato Claudio Marceddu, protagonista del sesto romanzo firmato da Giampaolo Cassitta “Le destinazioni del cielo” (“Arkadia Editore”). L’autore prosegue il suo tour con “Éntula”, il festival letterario diffuso curato dall’associazione “Lìberos”: venerdì sarà a Siligo e sabato ad Alghero. Con “Spettacolo di parole, canzoni, pensieri e passioni”, ispirato al suo nuovo romanzo, Cassitta sarà venerdì a Siligo, in Piazza Garibaldi, alle ore 18.30, mentre il giorno dopo sarà l’Aula magna del Dipartimento di Architettura di Alghero a fare da sfondo all’appuntamento, a partire dalle 20. In scena, anche Mario Bruno e le musiche di Antonello Colledanchise. Gli appuntamenti sono realizzati con il contributo della Regione Autonoma della Sardegna, Assessorato della Pubblica Istruzione, Beni culturali, Informazione, Spettacolo e Sport, Assessorato del Turismo, Artigianato e Commercio, la “Banca di Sassari”, l’Unione dei Comuni del Meilogu, il Comune di Siligo ed in collaborazione con “Arkadia” e la libreria “Koinè” di Sassari.

Il libro. Claudio Marceddu, il magistrato protagonista de “Il giorno di Moro” ed “Il piano zero”, ha tra le mani il suo primissimo caso giudiziario. Un omicidio dimenticato, un gioco intricato in un paese alle porte di Sassari dove non succede mai nulla. O quasi. Il suo procuratore gli consegna una lettera anonima, scritta da un’anziana donna. Marceddu si trova coinvolto, suo malgrado, in faccende antiche, mai sopite, dove tutti dicono molte cose, ma nessuno è in grado di raccontare la verità. La prima indagine è anche l’occasione per imparare il mestiere di giudice, avendo come maestri due grandi: Giovanni Falcone e Paolo Borsellino, amici del procuratore, conosciuti all’Asinara. Una storia che accompagna il lettore all’interno di un mistero, della vita, del paradosso di comprendere il gioco tra l’amore e la passione, la differenza tra amicizia e innamoramento. Sullo sfondo un’epoca in cui le ideologie si sfaldano, le convinzioni vengono meno, fino al conseguimento di una verità inaspettata, dove i personaggi sono tutti colpevoli e al contempo innocenti. Tutti, sempre, in attesa di ottenere risposte da un cielo sempre azzurro e forte.

Giampaolo Cassitta, nato a Oristano nel 1959, vive tra Cagliari ed Alghero. Già nel 1979, vince il terzo premio al concorso “Città di Ozieri”, con una poesia in catalano. L’anno dopo, pubblica una prima raccolta di versi, “Fogli di quaderno”, mentre, coltivando l’altra sua passione, la pittura, porta avanti la stesura del suo primo romanzo. Esce infatti nel 2001 “Asinara, il rumore del silenzio” (“Frilli Editori”), che ottiene un ottimo successo ed è attualmente alla terza edizione. Segue nel 2002 “Supercarcere Asinara” (Frilli Editori) che, come il precedente, viene apprezzato da pubblico e critici. Nel 2005, esce il saggio “La zona grigia. Storia di un sequestro di persona” (“Condaghes”), riproposto nel 2010 in una versione riveduta ed ampliata ed il cui contenuto viene adattato per uno spettacolo teatrale accompagnato dalle canzoni degli “Humaniora”, gruppo musicale che segue da anni. Oltre a diversi racconti ed altri scritti, nel 2006 pubblica Il giorno di Moro (Frilli Editori), giunto alla seconda edizione. Nel 2011, esce Il piano zero (Arkadia Editore) e, nel 2012, collabora alla raccolta “La cella di Gaudí” (Arkadia Editore).

Nella foto: Giampaolo Cassitta
Commenti
3/12/2016
Lunedì 5 dicembre alle 18 la libreria Koinè di Porto Torres ospita Cristina Caboni per la presentazione del suo ultimo romanzo “Il giardino dei fiori segreti”
© 2000-2016 Mediatica sas