Alguer.it
Notizie    Video   
NOTIZIE
Alguer.it su YouTube Alguer.it su Facebook Alguer.it su Twitter
Alguer.itnotiziealgheroEconomiaEnogastronomia › Un riconoscimento all’eccellenza dei vini algheresi
A.B. 25 settembre 2014
Sabato, l’Amministrazione Comunale omaggerà i produttori in una serata al Teatro Civico e poi in piazza, con Cantine en Blanc
Un riconoscimento all’eccellenza dei vini algheresi


ALGHERO - Il comparto vitivinicolo algherese rappresenta un’eccellenza indiscussa in Sardegna. Negli ultimi anni, il settore trainante dell’agroalimentare ha compiuto passi da gigante: Alghero è di gran lunga la prima città in Sardegna per quantità di uve e per litri di vino prodotti. Una tradizione antica, quella algherese, custodita e tramandata per generazioni dai “vinyaters”, i vigniaioli, che oggi si è trasformata in un caposaldo dell’economia locale, con ben 1700 ettari coltivati a vite ed un marchio “Alghero Doc”. L’Amministrazione Comunale ritiene quindi di primaria importanza stare al fianco delle aziende ed attribuire loro la giusta centralità attraverso un riconoscimento ufficiale che apra una nuova strada di sostegno, collaborazione e valorizzazione. I produttori algheresi saranno ospiti dell’Amministrazione in una serata nel corso della quale sarà loro reso omaggio per il ruolo determinante che svolgono per lo sviluppo economico, sociale e culturale della città.

Sabato 27 settembre, alle ore 18, al Teatro Civico, il Comune di Alghero attribuirà il riconoscimento alle aziende vitivinicole “Angelo Porcheddu”, “Giuseppe Fois”, “Antonella Ledà d’Ittiri”, “Poderi Parpinello”, “Rigàtteri”, “Santa Maria La Palma”, “Sella & Mosca”, “Tenute Delogu” e “Vigne Rada”. «È una risorsa determinante alla quale vogliamo riporre il massimo della nostra attenzione - spiega l’assessore comunale alle Attività produttive Natacha Lampis - Intendiamo dare continuità al gesto simbolico del riconoscimento attraverso tutte le azioni di sostegno alle attività imprenditoriali che le normative ci mettono a disposizione. C’è grande professionalità, competenza e amore per il lavoro dietro ai successi dei nostri vini, e soprattutto c’è un orizzonte di crescita legato al comparto turistico che vogliamo sostenere». La serata sarà occasione dell’incontro istituzionale tra Alghero ed Encamp nel corso della quale è prevista l’esibizione di balli tradizionali dell’“Esbart San Romà”, gruppo folkloristico della cittadina del Principato di Andorra gemellata con Alghero.

Non solo teatro, per i vini algheresi: l’Assessorato Comunale allo Sviluppo Economico ha previsto un “dopo premio” in piazza, con degustazioni, aperitivi, installazioni floreali ed intrattenimenti musicali. Nel mercato ortofrutticolo e nelle botteghe di Piazza Pino Piras, è in programma a partire dalle 19 “Cantine en Blanc”, con i vini bianchi a far da padrone alla serata in cui l’Istituto Alberghiero, straordinario serbatoio di professionalità, contribuirà alla parte culinaria. L’evento rientra nel programma di “Sant Miquel en Blanc”, proposto dall’Amministrazione con la “Fondazione Meta”, in cui sono coinvolti i ristoratori algheresi che per l’occasione, fino a lunedì 29 settembre, stanno proponendo menu caratterizzati da piatti della tradizione algherese, a prezzi concordati che variano dai 25 ai 30euro. «Un’altra grande risorsa dell’economia algherese, rappresentata dai nostri ristoratori, svolge un ruolo prezioso nella promozione delle nostre peculiarità e della nostra tradizione», aggiunge l’assessore allo Sviluppo Economico. I ristoranti sono “Casablanca”, “Al Fico”, “Da Mirko”, “Al Refettorio”, “La Botteghina”, “Acquatica”, “La Lepanto”, “La Pergola”, “Plaça Civica”, “Maò de Plà”, “Ristofever”, “Movida”, “Trattoria Caragol” ed “Osteria delle 4 Stagioni”.
Commenti
21:48
Nell´accordo di collaborazione con l´associazione nazionale, prevista la promozione e la valorizzazione dei territori: c´è anche Alghero, che sabato 10 e domenica 11 dicembre ospiterà l’assemblea nazionale
12:56
La vittoria della seconda edizione, ospitata dalla pizzeria ristorante Bnn di Cabras e che ha visto la partecipazione di una cinquantina di pizzaioli, è andata a Marco Ledda (del Gambero Rosso di Bosa), seguito da Marco Porcu
© 2000-2016 Mediatica sas