Alguer.it
Notizie    Video   
NOTIZIE
Alguer.it su YouTube Alguer.it su Facebook Alguer.it su Twitter
Alguer.itnotiziealgheroCronacaCronaca › Omicidio Orsola: Pg chiede 24 anni di carcere
S.A. 26 settembre 2014
Rinviato il verdetto d'Appello proposto dai difensori di Alessandro Calvia condannato in primo grado a 24 anni per l´omicidio della professoressa algherese strangolata nella sua abitazione nell´ottobre 2011. Si gioca tutto sul filo del Dna: Il caso presenta forti analogie con quello ben più noto di Yara Gambirasio
Omicidio Orsola: Pg chiede 24 anni di carcere


ALGHERO - Oggi si è svolta l'udienza d'appello del processo su Orsola Serra, l'insegnante 50enne assassinata nel 2011 ad Alghero [LEGGI], per cui è stato condannato a 24 anni Alessandro Calvia [LEGGI]. La Corte d'assise d'appello di Sassari, presieduta dalla dottoressa Plinia Azzena si pronuncerà sul secondo grado proposto dai difensori, gli avvocati Nicola Satta e Danilo Mattana. Ma per ascoltare i legali si dovrà attendere il prossimo venerdì (3 ottobre), stamane è stata la volta della relazione del Procuratore generale e della parte civile, in cui è stata confermata la tesi sulla colpevolezza del condannato in primo grado, pur nelle difficoltà - ha ammesso il procuratore - di un processo dove da subito è mancata l'intera scena del crimine.

Nei primissimi giorni, infatti, quello di Orsola Serra era stato archiviato come un suicidio e trattato come tale dagli inquirenti. La casa era stata riconsegnata subito dopo ai familiari, che l'avevano ripulita da cima a fondo non lasciando tracce nemmeno per i Ris che una settimana dopo cercavano le prove di quello che poi si è rivelato un omicidio. I sospetti sin da subito si sono concentrati sull'amante di Orsola strangolata la notte del 23 ottobre, che secondo l'impianto accusatorio trova sostanzialmente riscontro nella presenza del suo dna nel cordino rinvenuto sul collo della vittima e utilizzato per ucciderla. Quel cordino, che probabilmente serviva per chiudere una delle tende dell'abitazione in cui viveva la donna, è stato lasciato sul luogo del delitto. L'uomo si è sempre proclamato innocente spiegando la presenza delle sue tracce biologiche con la frequentazione della casa per un relazione sentimentale tra i due. Il caso presenta forti analogie con quello ben più noto di Yara Gambirasio.

Anche se al processo sassarese non è mancata la visibilità: le udienze sono state seguite dalle telecamere di "Un giorno in Pretura" che manderà in onda le puntate subito dopo la fine del processo di appello. Ad aumentare l'interesse sulla vicenda è stata anche la presenza del perito della difesa, il professor Giovanni Maria Avato, balzato alle cronache per la perizia che ha contribuito a far scagionare l'imputato del delitto di Garlasco e più recentemente a riaprire le indagini sulla morte del ciclista Pantani. Anche nel processo sulla morte della professoressa algherese Avato è stato decisivo nel stabilire l'orario esatto del decesso, spostandolo a ridosso della mezzanotte, quando inizialmente era stato fissato poco prima delle venti.

L'altro colpo di scena è stata la distruzione del reperto più importante, ossia il cordino. La sua mancanza ha reso impossibile ripetere gli accertamenti e approfondirli. Ancora oggi non se ne conosce la materia determinando così una serie di incertezze considerato che ognuna assorbe e mantiene il dna in una modo differente. Questi e altri sono i dubbi che i difensori portano davanti alla Corte chiedendo ancora una volta l'assoluzione del loro assistito.

Nella foto: Orsola Serra
Commenti
27/3/2017
I Carabinieri della locale Compagnia, nell’ambito dei servizi a contrasto dell’illegalità diffusa e delle cosiddette “stragi del sabato sera”, nonché della prevenzione illeciti connessi al fenomeno della “movida”, hanno controllato 153 persone, 82 veicoli ed un esercizio pubblico
27/3/2017
Grave intimidazione nei confronti di un noto avvocato del foro di Sassari. Due buste con proiettili e miccia detonante sono arrivate al suo indirizzo nei giorni scorsi. Indagini dei carabinieri
8:34
La Guardia di Finanza di Cagliari ha scoperto un capannone sconosciuto al fisco adibito a deposito merci. Sequestrati quasi 210.000 prodotti con marcatura ce contraffatta. denunciate due persone
21:08
In un blitz in località Agumu, il Corpo forestale ha sequestrato gli immobili in costruzione, per una superficie di circa 120metri quadri ciascuno, a 500metri dal mare. Il 50enne proprietario dell´area è accusato di abuso edilizio e lottizzazione abusiva
27/3/2017
La Procura di Sassari ha iscritto un terzo nome nel registro degli indagati nell´inchiesta sui furti di cocaina, dall´ufficio Corpi di reato del tribunale sassarese, che tre settimana fa ha portato a due arresti. La nuova indagata sarebbe la compagna di uno dei due
14:17
Giovedì, all´uscita dalla scuola media Colombo, nel Quartiere del Sole, a Cagliari, un 14enne sarebbe stato malmenato da un coetaneo. Sabato, il padre ha denunciato il fatto
28/3/2017
Il dirigente scolastico Antonio Fadda ieri ha aperto il consiglio d´istituto a Mamoiada a cui hanno partecipato le famiglie e la docente originaria di Oliena a cui è stata recapitata nei giorni scorsi una lettera con un messaggio minatorio e un proiettile
11:22
Il fatto si è registrato nel pomeriggio di ieri. Il volontario ha riportato un taglio al braccio ed è stato trasportato in ospedale, ma non è grave. Dalle prime indiscrezioni, pare che il 69enne, ora in stato di fermo, non gradisse il trasferimento nelle vicinanze della sua abitazione dell´associazione di volontariato
28/3/2017
Barchino avvistato a diverse miglia sud di Capo Teulada un barchino con a bordo otto algerini diretto verso le coste sarde. Sono stati trasferiti in alcuni centri di accoglienza
27/3/2017
Dopo gli scontri di sabato scorso a Sassari, è pronta una circolare da inviare a tutte le agenzie di autonoleggio affinché informino la questura sui viaggi previsti dalle tifoserie in trasferta
27/3/2017
La Questura di Palermo ha vietato la vendita di biglietti per il settore ospiti per il match del 2 aprile prossimo in Sicilia. La decisione è stata presa dopo gli scontri avvenuti sabato scorso a Sassari
29/3/2017
Una fucilata è stata esplosa contro la casa di campagna del suocero del sindaco, Marcello Cannas, e solitamente utilizzata dalla moglie del primo cittadino
27/3/2017
Scontri a Sassari, Nicola Sanna: «La città vuole chiarezza» Il sindaco scrive al ministro dell´Interno Domenico Minniti.
28/3/2017
Al vertice parteciperà il presidente del Cagliati, Tommaso Giulini, assente ieri, per precedenti impegni, alla prima riunione convocata dalla prefetta Giuliana Perrotta dopo gli scontri di sabato a Sassari
© 2000-2017 Mediatica sas