Alguer.it
Notizie    Video   
NOTIZIE
Alguer.it su YouTube Alguer.it su Facebook Alguer.it su Twitter
Alguer.itnotiziealgheroPoliticaSanità › Lista incompiute sanità: mozione-verità ad Alghero
S.A. 26 settembre 2014
Il documento analizza la grave situazione in cui versa la sanità algherese. E´ stata protocollata dalla maggioranza cittadina, primo firmatario Alessandro Nasone dell´Upc
Lista incompiute sanità: mozione-verità ad Alghero


ALGHERO - Una mozione sulla grave situazione in cui versa la sanità algherese è stata presentata dai consiglieri di maggioranza, primo firmatario Alessandro Nasone (infermiere nella vita) dell'Upc. Nel documento il consiglio comunale «impegna» il sindaco, in qualità di massima autorità in ambito sanitario cittadino, «a mettere in atto tutte le soluzioni possibili affinché possa essere ripristinato il Finanziamento per il nuovo Ospedale di Alghero e per ottenere nel frattempo risposte chiare e soluzioni risolutive in merito alle attuali
carenze presenti nei nosocomi cittadini». E lo fa davanti ad un «lento ma progressivo scadimento della qualità dei servizi erogati» e un progetto (previsto anche nel Piano Sanitario Regionale 2006/2008) sul nuovo Ospedale mai realizzato.

«Negli ultimi anni, in più occasioni sia i Consiglieri Regionali del Territorio che le Giunte e i Consigli Comunali succedutesi, hanno più volte manifestato le proprie perplessità e preoccupazioni sull’andamento della Sanità nella nostra Città, tanto da portare l’intero consiglio comunale ad essere convocato in via straordinaria nella sede Asl di Via Catalocchino in data 22 Febbraio 2013, ricevendo in tutta risposta dalla dirigenza Asl la chiusura totale della sede» si legge. Iniziative che non hanno portato ai risultati sperati. Chissà se l'ultima visita ad Alghero dell'assessore regionale Luigi Arru nei giorni scorsi sarà più produttiva [LEGGI] e [GUARDA]. Nasone nella mozione entra dentro i problemi e le criticità esistenti, imputando precise responsabilità all'Asl di Sassari: «nell' Atto Aziendale, poi bocciato dalla Giunta Regionale, ha declassato varie strutture esistenti nei nosocomi cittadini, tra cui Diabetologia e Dialisi, tanto che questa decisione ha portato alla bocciatura del documento stesso da parte del Comune di Alghero».

L'elenco inizia con le "incompiute": la Risonanza Magnetica Nucleare; la piscina interna e le normative antincendio del Marino; gli eterni cantieri del Civile; il Parco tecnologico di Oculistica. E prosegue con: l' assenza di accreditamento regionale di tutti i reparti dei due presidi ospedalieri, il ritardo nell’apertura dell’Unità Coronarica, la mancata previsione di posti letto di Terapia Intensiva Post Chirurgica e mancata implementazione dell’Assistenza Domiciliare Integrata. L'urgenza evidenziata dai consiglieri comunali, infine, riguarda anche il personale con «carenze ormai croniche che hanno come conseguenza pesanti disfunzioni organizzative tanto che i numeri in organico tra infermieri e operatori sociosanitari non consentono turni in grado di garantire una regolare assistenza ai pazienti».

Nella foto: Alessandro Nasone, primo firmatario della mozione
Commenti
24/9/2016
Martedì mattina, la bambina, ricoverata all´ospedale Santissima Annunizata di Sassari, è stata trasportata a bordo di un Falcon 900 Easy, per poi essere trasferita all’ospedale Meyer di Firenze
24/9/2016
«Da Zavattaro a Moirano, Pigliaru conferma scelta su manager non sardo», sottolinea il coordinatore regionale Ugo Cappellacci. «Nomina manager non fa chiarezza sul caos politico», rilancia il capogruppo forzista in Consiglio Regionale Pietro Pittalis
24/9/2016
Con la nomina di Fulvio Moirano alla guida dell’Azienda per la tutela della salute si mette finalmente la parola fine sull’imbarazzante telenovela che ha accompagnato la fase preliminare all’accorpamento delle attuali Asl in un’unica azienda regionale. L’Ats, purtroppo, nasce zoppa per colpa dei partiti del Centrosinistra, che hanno man mano svuotato di contenuti l’idea di Asl unica regionale avanzata per la prima volta dai Riformatori. Con queste premesse, è lecito essere scettici sui risultati che la riforma sarà in grado di produrre
© 2000-2016 Mediatica sas