Alguer.it
Notizie    Video   
NOTIZIE
Alguer.it su YouTube Alguer.it su Facebook Alguer.it su Twitter
Alguer.itnotiziesardegnaPoliticaAnimali › Pronto soccorso veterinario: intervengono i Riformatori
A.B. 27 settembre 2014
I Giovani Riformatori hanno organizzato cento tavolini in tutta la Sardegna, raccogliendo ben 2628 firme in poche ore sulla proposta di legge di iniziativa popolare riguardante il Pronto soccorso veterinario pubblico
Pronto soccorso veterinario: intervengono i Riformatori


CAGLIARI - Cento tavolini in tutta la Sardegna, dieci nella sola Cagliari e ben 2628 firme raccolte in una giornata. Questi i numeri della manifestazione che ha visto impegnati i Giovani Riformatori sardi in numerose piazze della Sardegna per la raccolta di adesioni alla proposta di legge di iniziativa popolare per l'istituzione in tutte le Asl della Sardegna di un pronto soccorso pubblico veterinario e di un numero per le emergenze dedicato.

«Il riconoscimento degli animali quali esseri portatori di diritti – spiega Danilo Pillitu, dei Giovani Riformatori, portavoce del comitato “Sos 4 zampe” fondato assieme ad “Enpa”, “Anta”, “Lega nazionale del Cane” ed “Una zampa nel cuore” - è uno dei capisaldi della politica dell’Unione europea. La legislazione vigente risulta ancora carente per quanto concerne il soccorso agli animali feriti. La riforma del codice della strada ha introdotto l’obbligo di soccorso agli animali che però, molto spesso, vengono abbandonati, a rischio della loro vita e anche di quella degli altri utenti perché non è stato previsto un adeguato sistema che consenta al cittadino di rivolgersi tempestivamente all’ente competente per usufruire del servizio di soccorso veterinario in caso di un animale vittima di incidente».

La competenza del servizio di assistenza veterinaria, spiega ancora Pillitu, «è riconosciuta alle regioni, che a loro volta hanno delegato tale funzione alle aziende sanitarie locali. Tuttavia, non sempre sono garantiti un servizio di guardia veterinaria attivo ventiquattro ore su ventiquattro e spazi adeguati di pronto soccorso per gli animali feriti o che stanno male, siano essi domestici o randagi. La Regione Sardegna non ha ancora istituito un numero unico telefonico di pronto soccorso per la segnalazione di un’emergenza al fine di inviare personale e mezzi adeguati». Per Pillitu, la proposta di legge è importantissima. «Se approvata – chiarisce – farà fare alla Sardegna un incredibile balzo in avanti nel campo della sicurezza e cura degli animali domestici e dei randagi. Possiamo essere battistrada in Italia, approfittando anche del nostro essere Regione a Statuto speciale».

Nella foto: un momento della manifestazione
Commenti
19:58
L’azione di contrasto all’allevamento illegale di maiali, coordinata dall’Unità di progetto per l’eradicazione della Psa, ha effettuato, ieri pomeriggio, due distinti interventi di depopolamento nel Sassarese
14:37
L´allarme è stato lanciato dalla Coldiretti Nuoro Ogliastra, che propone il report dei danni dovuti all´invasione di cinghiali
© 2000-2016 Mediatica sas