Alguer.it
Notizie    Video   
NOTIZIE
Alguer.it su YouTube Alguer.it su Facebook Alguer.it su Twitter
Alguer.itnotiziealgheroCronacaAmbiente › «A San Marco, Tari e rifiuti pazzeschi»
D.C. 30 settembre 2014
A denunciare l'emergenza rifiuti a fronte di un aumento della tassazione è il manager della Taulera Legnami, una delle aziende insediate nella zona industriale
«A San Marco, Tari e rifiuti pazzeschi»


ALGHERO – É passato appena un giorno dalla segnalazione da parte di una cittadina algherese della presenza nel centro storico di Alghero di cestini traboccanti di spazzatura, collocati inspiegabilmente a fianco a raccoglitori appena svuotati [LEGGI]. Una realtà che agli occhi dei tanti rende incomprensibili le modalità di operare della società Aimeri, incaricata di gestire i rifiuti in città, ed una denuncia che si aggiunge alle numerose altre sopraggiunge negli ultimi mesi.

Una nota stonata che risuona oggi ancora più forte e fastidiosa con la dichiarazione di Massimo Della Noce della “Taulera legnami Srl”, il quale afferma che la situazione nella zona industriale di San Marco non è certo migliore, nonostante il servizio costi sempre più caro. «A fronte di una tassazione pazzesca – dice lui - che incide in maniera spropositata sulle tasche delle aziende questo, purtroppo, è il servizio che ne abbiamo indietro: un solo cassonetto che resta stracolmo per diversi giorni e con il vento che sparge la mondezza per tutto il circondario».

Tutto questo, nonostante la stessa società Aimeri abbia il deposito a cinquanta metri dalla zona in questione. Le incongruenze e i buchi neri continuano dunque a crescere, insieme a chi pare non sopportarli più, ossia i cittadini a cui non resta che una “battaglia mediatica” senza tregua.

Nella foto: il cassonetto a San Marco
Commenti
13:53
Lo scambio di accuse, recriminazioni, ed infine insulti manifestatisi in questi ultimi giorni tra alcuni esponenti politici di Alghero, a proposito del servizio di nettezza urbana, ha un che di surreale
17:44
Maria Gianni, 86 anni, trapiantata da una vita a Porto Torres, è sopravvissuta al crollo dell’hotel “Roma” di Amatrice ed è stata trovata viva da un alpino in un angolo della sua camera da letto appena crollata.
15:58
Il terremoto dell´Appennino è ancora nel nostro cuore. Le responsabilità, almeno quelle generali sono note. La Natura, che noi amiamo, è, alle volte, leopardianamente matrigna. L´uomo ci ha messo molto del suo, costruendo con furbizia e incoscienza. La macchina della solidarietà è partita. Tanti volontari, compresi i nostri amici di Legambiente, sono già al lavoro nei paesi colpiti
26/8/2016
Un legame che si rafforza e che oggi diventa anche istituzionale nel nome del Santo patrono turritano, il martire Gavino, venerato nei due centri. Porto Torres e Camposano ufficializzano il gemellaggio con un´intesa condivisa dal sindaco Sean Wheeler, presente in questi giorni nel paese campano in occasione della festa patronale, e dal primo cittadino di Camposano, Franco Barbato
26/8/2016
«No allo sfruttamento di terreni agricoli per la produzione di energia. Le imprese private non possono continuare a sottrarre pezzi importanti di territorio agli agricoltori sardi in nome di chissà quale interesse pubblico». Lo sostiene il consigliere regionale dei Rossomori Emilio Usula, che preannuncia un’iniziativa in Consiglio
9:39
Positiva la risposta scritta pervenuta dall´Ufficio ambiente a firma dell´assessore all´ambiente Cristina Biancu e del dirigente del settore Claudio Vinci, all’interrogazione presentata dal consigliere comunale sardista Davide Tellini in merito alla decisione autonoma dell’azienda Ambiente 2.0 sulla distribuzione dei cestelli sulla raccolta rifiuti all’interno degli appartamenti condominiali
25/8/2016
Dopo la denuncia pubblica del sindaco di Fonni Daniela Falconi, è stata chiesta dal Partito Democratico una verifica delle procedure
25/8/2016
«La Regione sostenga il consorzio e le imprese», chiede con urgenza il Consorzio Bonifica Gallura
26/8/2016
Stupisce ancora di più l’atteggiamento superficiale che continua a regnare in quel di viale Trento. Anziché ammettere gli sbagli e adottare i correttivi del caso, si preferisce trincerarsi dietro cifre parziali, utilizzate strumentalmente nel tentativo di dimostrare che, tutto sommato, le cose non stanno andando poi così tanto male
© 2000-2016 Mediatica sas