Alguer.it
Notizie    Video   
NOTIZIE
Alguer.it su YouTube Alguer.it su Facebook Alguer.it su Twitter
Alguer.itnotiziealgheroCronacaAmbiente › «A San Marco, Tari e rifiuti pazzeschi»
D.C. 30 settembre 2014
A denunciare l'emergenza rifiuti a fronte di un aumento della tassazione è il manager della Taulera Legnami, una delle aziende insediate nella zona industriale
«A San Marco, Tari e rifiuti pazzeschi»


ALGHERO – É passato appena un giorno dalla segnalazione da parte di una cittadina algherese della presenza nel centro storico di Alghero di cestini traboccanti di spazzatura, collocati inspiegabilmente a fianco a raccoglitori appena svuotati [LEGGI]. Una realtà che agli occhi dei tanti rende incomprensibili le modalità di operare della società Aimeri, incaricata di gestire i rifiuti in città, ed una denuncia che si aggiunge alle numerose altre sopraggiunge negli ultimi mesi.

Una nota stonata che risuona oggi ancora più forte e fastidiosa con la dichiarazione di Massimo Della Noce della “Taulera legnami Srl”, il quale afferma che la situazione nella zona industriale di San Marco non è certo migliore, nonostante il servizio costi sempre più caro. «A fronte di una tassazione pazzesca – dice lui - che incide in maniera spropositata sulle tasche delle aziende questo, purtroppo, è il servizio che ne abbiamo indietro: un solo cassonetto che resta stracolmo per diversi giorni e con il vento che sparge la mondezza per tutto il circondario».

Tutto questo, nonostante la stessa società Aimeri abbia il deposito a cinquanta metri dalla zona in questione. Le incongruenze e i buchi neri continuano dunque a crescere, insieme a chi pare non sopportarli più, ossia i cittadini a cui non resta che una “battaglia mediatica” senza tregua.

Nella foto: il cassonetto a San Marco
Commenti
22:44
Entro luglio le singole regioni dovranno recepire la legge che introduce i LEPTA, ossia il livello minimo omogeneo in tutto il territorio nazionale per lo svolgimento delle attività che il Sistema nazionale è tenuto a garantire
20:10
Raccolta rifiuti e spazzamento a rischio il 28 gennaio. L’accordo sulla società consortile tra le aziende che gestiscono il servizio raccolta rifiuti urbani non c’è stato e le organizzazioni sindacali Cgil, Cisl e Fiadel hanno deciso di proclamare lo sciopero probabilmente alla fine del mese di gennaio
8:24
Richiesta del consigliere sardista Davide Tellini di inserimento all´ordine del giorno del consiglio comunale la discussione sul servizio raccolta Rifiuti solidi urbani
16/1/2017
Il 2016 si chiude con il dato peggiore degli ultimi cinque anni: al 31 dicembre 2016 la diga del Liscia conteneva 33,7 milioni di metri cubi d´acqua, pari al 32% della capienza totale
© 2000-2017 Mediatica sas