Alguer.it
Notizie    Video   
NOTIZIE
Alguer.it su YouTube Alguer.it su Facebook Alguer.it su Twitter
Alguer.itnotiziesardegnaPoliticaLavoro › Disoccupazione: interviene Luciano Uras
A.B. 30 settembre 2014
«I dati Istat vanno letti nel loro complesso, non solo quando fa comodo», commenta il capogruppo di Sel in Commissione Bilancio
Disoccupazione: interviene Luciano Uras


CAGLIARI - «I dati sulla disoccupazione (quelli mensili relativi ad agosto 2014) rimangono negativi. Quanto diffuso dall’Istat va letto tutto e interpretato in modo giusto, non si può scegliere solo quello che fa comodo. Il tasso di disoccupazione giovanile rimane alto ma, come noto, si riferisce al segmento di età tra i quindici e i ventiquattro anni. Questi sono gli anni in cui una persona, in un paese moderno e proiettato verso lo sviluppo, di norma studia al liceo e alla università, si qualifica sul piano professionale, si iscrive nelle scuole di specializzazione post-universitarie».

Questo l’incipit dell’intervento di Luciano Uras, capogruppo di Sel in Commissione Bilancio. «Basta con la schizofrenia comunicativa – prosegue - da un parte chi governa vuole tutti i giovani laureati, dall’altra usa strumentalmente il tasso di disoccupazione giovanile per soffiare sul fuoco dello scontro generazionale. Il paese per uscire dalla crisi ha bisogno di consapevole unità degli sforzi, una tensione corale per contrastare povertà e disoccupazione vere. Nei dati diffusi dall’Istat sono eclatanti i 14milioni e mezzo di uomini e donne inattivi, scoraggiati e fuori dal mercato del lavoro, il 25percento della popolazione complessiva, il 44percento circa della popolazione tra i quindici e i sessantaquattro anni».

«E non può essere sottovalutato il dato relativo alla popolazione femminile in età di lavoro non occupata, il cui impegno può incidere sull'andamento dello sviluppo economico e sociale del nostro Paese. Il Paese richiede meno proclami e più impegno costante, uno sforzo nuovo dello Stato a favore del lavoro che si accompagni ad un nuovo e rafforzato ruolo dell’impresa per il bene comune. Questo - ha concluso il capogruppo del Sel Uras - è il terreno su cui vanno costruiti i nuovi patti sociali tra Governo, Sindacati e Associazioni dell'Impresa».

Nella foto: Luciano Uras
Commenti
9:26
Dagli operai la richiesta alla Regione di interloquire con la multinazionale Indorama proprietaria della fabbrica per il rilancio della produzione di Pet
21/3/2017
Obiettivi della giunta regionale: promuovere contratti stagionali più lunghi attraverso un sistema di contributi a disposizione delle imprese del settore che impiegheranno i propri dipendenti oltre il periodo canonico dei quattro mesi di alta stagione
21/3/2017
Approvato le linee guida a cui dovrà adeguarsi Insar nella predisposizione del “Programma di accompagnamento all’esodo”. La dotazione finanziaria è di 6,7 milioni
20/3/2017
Il sindacato Uiltec-Uil replica alle rassicurazioni date nei giorni scorsi dalla società ceca Eph sulle modalità e i tempi da impiegare per la dismissione dei gruppi inattivi della centrale di Fiume Santo
© 2000-2017 Mediatica sas