Alguer.it
Notizie    Video   
NOTIZIE
Alguer.it su YouTube Alguer.it su Facebook Alguer.it su Twitter
Alguer.itnotiziesardegnaPoliticaRegione › Falchi: «sosteniamo il Consiglio Regionale»
A.B. 1 ottobre 2014
L’assessore risponde così alla decisione del Consiglio dei ministri di impugnare la legge 16 approvata dalla Regione lo scorso agosto che prevede norme in materia di agricoltura e sviluppo rurale, agrobiodiversità, marchio collettivo e distretti
Falchi: «sosteniamo il Consiglio Regionale»


CAGLIARI - «Forniremo, come abbiamo fatto fino a oggi, il massimo sostegno al Consiglio Regionale per organizzare la replica al Governo». Così ha risposto l’assessore regionale Elisabetta Falchi alla decisione del Consiglio dei Ministri di impugnare la legge n.16 approvata dal Consiglio Regionale lo scorso agosto, che prevede norme in materia di agricoltura e sviluppo rurale, agrobiodiversità, marchio collettivo e distretti.

La parte che il Governo ha deciso di portare all'attenzione della Corte Costituzionale per presunta illegittimità è proprio quella che riguarda l'istituzione di un marchio collettivo di qualità agroalimentare regionale. «Ho sostenuto, insieme alla Giunta, l’iniziativa del Consiglio - prosegue l’assessore Falchi – perché ritengo che si tratti di una legge importante per rilanciare l’agroindustria sarda».

«Se si tratterà di piccole modifiche formali credo che si possano apportare. Se invece il Governo vuole intervenire sul diritto della Sardegna a legiferare in questo campo – conclude il membro dell’Esecutivo Pigliaru - dovremo dare battaglia».
Commenti
27/6/2016
Il Gruppo Sdl in Consiglio regionale contesta l’incarico a Giuseppe Pirisi: «Ancora una volta il Pd agisce da solo e fa prevalere la logica della spartizione politica»
27/6/2016
«Nuove tecnologie straordinaria opportunità di crescita per Pa regionale», dichiarano all´unisono il presidente della Regione Autonoma della Sardegna e l´assessore regionale degli Affari Generali
27/6/2016
Servizio Civile e progetti di inclusione sociale: l´assessore regionale del Lavoro fa il punto sugli strumenti
© 2000-2016 Mediatica sas