Alguer.it
Notizie    Video   
NOTIZIE
Alguer.it su YouTube Alguer.it su Facebook Alguer.it su Twitter
Alguer.itnotiziealgheroOpinioniAmbienteGiù le mani dalla Laguna del Calich
Raffaele Cadinu 2 ottobre 2014
L'opinione di Raffaele Cadinu
Giù le mani dalla Laguna del Calich


Mi hanno riferito di “movimenti” presso il Calich, di alcune persone che come formichine laboriose, intente solo alla salvaguardia del formicaio, studierebbero nuove presunte opportunità produttive senza tenere presente e conto delle innumerevoli problematiche connesse, quali gli aspetti storici, sociali, orografici e di salvaguardia assoluta, di un bene abbastanza violentato come la Laguna del Calich zona Zps. Ed infatti di laguna si tratta e non di stagno come volgarmente, e purtroppo ufficialmente, è denominato. Allora secondo il mio modesto parere occorre solo una cosa: usare la pubblicità, cioè rendere pubbliche le presunte intenzioni, per evitare che chiunque, dall’alto di una cattedra universitaria, da dietro la scrivania di un incarico politico, o da membro di un organismo regionale deputato proprio allo studio sulle produzioni animali, venga attuato un progetto di studio introducendo specie animali non autoctone, cioè non del luogo.

Cosa direste se introducessi un animale o un virus in un ecosistema delicato? L’ultima sperimentazione ha per esempio causato probabilmente l’epidemia della lingua blu. Ebbene parrebbe che nessuna di queste persone si sia posta il problema di cosa significhi Zps! Zps significa Zona a Protezione Speciale, cioè una zona che ha caratteristiche particolari proprie e di nessun altro luogo al mondo. E cosa fanno quelli che dovrebbero studiarla e proteggerla? Proporrebbero l’introduzione di una specie non presente, ad esempio un’ostrica che vive nell’Atlantico e che è affetta da un virus che ha decimato gli allevamenti francesi e sta creando danni anche in quelli della nostra regione.

Roba da matti, ma mi chiedo questi “studiati”, mi piace questo termine e lo trovo molto adatto, non dovrebbero essere gli stessi che avrebbero dovuto opporsi allo sversamento dei reflui del depuratore nel Calich? Allora mi rispondo: le ostriche hanno la capacità di filtrare l’acqua e di alimentarsi proprio con le microalghe, quindi deduco che un interesse potrebbe anche esserci a violentare un ecosistema senza rispettare i vincoli di una Zps. Che sia questo uno dei tanti motivi del disinteresse per la morte del Calich? Propongo un convegno pubblico invitando ad esempio l’Agris Sardegna o qualcuno dell’Università pratico del Calich oppure proprio l’Ente responsabile della Laguna che è il Parco Regionale di Porto Conte interessato più ai cinghiali che al problema ben più grave del Calich. Inviterei anche il Sindaco poiché sarebbe un’occasione ghiotta per rivedere il tutto anche sotto il profilo della Marea Gialla tanto per dare un po’ di colore.

*geometra algherese
Commenti
16:24
Il Wwf ha inoltrato una segnalazione alle autorità locali per la presenza di un furgone all’interno della pineta di Alghero e ripropone l´idea di far pagare un biglietto per accedere a dei servizi
27/6/2016
Nonostante le evidenze del Tar Sardegna che contesta gravi inadempienze all´Ambiente 2.0 sarebbe pronto il ricorso al Consiglio di Stato. Si va verso la nuova assegnazione a Ciclat
27/6/2016
Un gruppo di volontari, armati di pale e bustoni, ha lavorato per ore, dando un esempio di cittadinanza attiva spontanea e gratuita in una delle zone più suggestive ma trascurate di Alghero
27/6/2016
««I motivi sono esattamente quelli che avevamo denunciato a più riprese e che solo l´amministrazione pareva non se ne fosse resa conto.» Così il consigliere comuanle di Forza Italia Michele Pais in merito alla sentenza del Tar sull´appalto dell´igiene pubblica ad Alghero
27/6/2016
Da domani, il capoluogo turritano ospiterà la decima edizione di Enerloc, l´appuntamento annuale sui temi del risparmio energetico
28/6/2016
il consigliere Davide Tellini interviene con un interrogazione sulla pulizia delle spiagge e loro fruizione durante il periodo estivo, in particolare per la spiaggia dello Scogliolungo
© 2000-2016 Mediatica sas