Alguer.it
Notizie    Video   
NOTIZIE
Alguer.it su YouTube Alguer.it su Facebook Alguer.it su Twitter
Alguer.itnotiziealgheroOpinioniAmbienteGiù le mani dalla Laguna del Calich
Raffaele Cadinu 2 ottobre 2014
L'opinione di Raffaele Cadinu
Giù le mani dalla Laguna del Calich


Mi hanno riferito di “movimenti” presso il Calich, di alcune persone che come formichine laboriose, intente solo alla salvaguardia del formicaio, studierebbero nuove presunte opportunità produttive senza tenere presente e conto delle innumerevoli problematiche connesse, quali gli aspetti storici, sociali, orografici e di salvaguardia assoluta, di un bene abbastanza violentato come la Laguna del Calich zona Zps. Ed infatti di laguna si tratta e non di stagno come volgarmente, e purtroppo ufficialmente, è denominato. Allora secondo il mio modesto parere occorre solo una cosa: usare la pubblicità, cioè rendere pubbliche le presunte intenzioni, per evitare che chiunque, dall’alto di una cattedra universitaria, da dietro la scrivania di un incarico politico, o da membro di un organismo regionale deputato proprio allo studio sulle produzioni animali, venga attuato un progetto di studio introducendo specie animali non autoctone, cioè non del luogo.

Cosa direste se introducessi un animale o un virus in un ecosistema delicato? L’ultima sperimentazione ha per esempio causato probabilmente l’epidemia della lingua blu. Ebbene parrebbe che nessuna di queste persone si sia posta il problema di cosa significhi Zps! Zps significa Zona a Protezione Speciale, cioè una zona che ha caratteristiche particolari proprie e di nessun altro luogo al mondo. E cosa fanno quelli che dovrebbero studiarla e proteggerla? Proporrebbero l’introduzione di una specie non presente, ad esempio un’ostrica che vive nell’Atlantico e che è affetta da un virus che ha decimato gli allevamenti francesi e sta creando danni anche in quelli della nostra regione.

Roba da matti, ma mi chiedo questi “studiati”, mi piace questo termine e lo trovo molto adatto, non dovrebbero essere gli stessi che avrebbero dovuto opporsi allo sversamento dei reflui del depuratore nel Calich? Allora mi rispondo: le ostriche hanno la capacità di filtrare l’acqua e di alimentarsi proprio con le microalghe, quindi deduco che un interesse potrebbe anche esserci a violentare un ecosistema senza rispettare i vincoli di una Zps. Che sia questo uno dei tanti motivi del disinteresse per la morte del Calich? Propongo un convegno pubblico invitando ad esempio l’Agris Sardegna o qualcuno dell’Università pratico del Calich oppure proprio l’Ente responsabile della Laguna che è il Parco Regionale di Porto Conte interessato più ai cinghiali che al problema ben più grave del Calich. Inviterei anche il Sindaco poiché sarebbe un’occasione ghiotta per rivedere il tutto anche sotto il profilo della Marea Gialla tanto per dare un po’ di colore.

*geometra algherese
Commenti
21/2/2017
Preoccupazione per il livello eutrofico della laguna del Calich ad Alghero. Nonostante gli impegni dell'assessorato regionale alle Opere pubbliche datati novembre 2015 nessun finanziamento ad oggi risulta deliberato per dirottare i reflui depurati
15:13
Una vera e propria gara per la raccolta delle pile esauste. Protagonisti gli studenti principali attori di un progetto di educazione ambientale promosso dall’amministrazione comunale nell’ambito dei due istituti comprensivi assieme alla società che gestisce la raccolta dei rifiuti in città
13:17
Risparmio energetico: Alghero aderisce alla campagna di sensibilizzazione di Radio Rai. Blackout programmato in Via Garibaldi e Lungomare Barcellona. A breve la svolta: tecnologia Led per l’illuminazione pubblica
20:12
Si tratta del primo di una serie di incontri in programma a partire da domani 23 febbraio alla libreria Koinè di corso Vittorio Emanuele dalle ore 18 alle 20. Un occasione per scoprire tutte le sfaccettature del vino sardo
21/2/2017
«Oggi siamo in grado di sconfessare le malelingue e le bugie del management di Abbanoa». Giorgio Vargiu, presidente di Adiconsum Sardegna in occasione dell’incontro organizzato presso la Casa delle Associazioni non nasconde la sua soddisfazione in merito all’ordinanza “storica” del Tribunale di Cagliari che ha dichiarato l’ammissibilità della class action contro Abbanoa
22:26
Una composizione di sacchetti di rifiuti depositati sul ciglio di una abitazione in pieno centro. Una sorta di mostra d’arte nel corso Vittorio Emanuele dove le buste di spazzatura colorate mostrano all’interno una varietà di immondizia
21/2/2017
Incontro ad Alghero con la costituzione del tavolo tecnico-operativo sulla gestione degli arenili. Presenti tutti gli enti coinvolti, a vario titolo, nei processi e procedimenti amministrativi e gestionali della Posidonia spiaggiata. Le dichiarazioni degli assessori Raniero Selva e Raimondo Cacciotto
10:31
In venti hanno detto sì, 32 i no. Il dibattito in Aula è stato acceso. Pittalis primo firmatario della mozione. La stoccata al suo assessore da parte del capogruppo Pd, Cocco
22/2/2017
Per tutta la settimana in corso e parte della prossima, le due principali direttrici viarie della città, Via Vittorio Emanuele e Via XX Settembre, saranno interessate dalle operazioni di potatura delle alberate programmate dal Settore Verde urbano dell’Amministrazione comunale
22/2/2017
In programma venerdì mattina, l´evento lancio del progetto Adapt. La sala conferenze de Lo Quarter ospiterà l´incontro, con l´introduzione del sindaco di Alghero Mario Bruno e gli interventi dell´assessore all´Ambiente della Regione autonoma della Sardegna Donatella Spano e del direttore di Anci Toscana Simone Ghiri
22/2/2017
Un nuovo Osservatorio del mare nel Parco Nazionale dell’Asinara punto di riferimento anche per la Corsica
21/2/2017
In seguito alle notizie sulla class action diffuse da alcune Associazioni dei Consumatori, Abbanoa precisa che al momento «é stata solo superata la fase di ammissibilità, come avvenuto con la precedente class action (sempre su Porto Torres) poi bocciata nel merito»
21/2/2017
Dalla relazione di servizio della Polizia locale risulta che “il sindaco Sean Wheeler segnalava agli operanti, che nella Via Josto , dietro la chiesa della Consolata, erano stati installati dei motori di condizionatori"
20/2/2017
Si tratta di un percorso sulla cresta della falesia che da Polt´Agra porta alle strutture militari della seconda guerra mondiale di Punta Giglio. Appuntamento domenica 26 febbraio
© 2000-2017 Mediatica sas