Alguer.it
Notizie    Video   
NOTIZIE
Alguer.it su YouTube Alguer.it su Facebook Alguer.it su Twitter
Alguer.itnotiziealgheroOpinioniAmbienteGiù le mani dalla Laguna del Calich
Raffaele Cadinu 2 ottobre 2014
L'opinione di Raffaele Cadinu
Giù le mani dalla Laguna del Calich


Mi hanno riferito di “movimenti” presso il Calich, di alcune persone che come formichine laboriose, intente solo alla salvaguardia del formicaio, studierebbero nuove presunte opportunità produttive senza tenere presente e conto delle innumerevoli problematiche connesse, quali gli aspetti storici, sociali, orografici e di salvaguardia assoluta, di un bene abbastanza violentato come la Laguna del Calich zona Zps. Ed infatti di laguna si tratta e non di stagno come volgarmente, e purtroppo ufficialmente, è denominato. Allora secondo il mio modesto parere occorre solo una cosa: usare la pubblicità, cioè rendere pubbliche le presunte intenzioni, per evitare che chiunque, dall’alto di una cattedra universitaria, da dietro la scrivania di un incarico politico, o da membro di un organismo regionale deputato proprio allo studio sulle produzioni animali, venga attuato un progetto di studio introducendo specie animali non autoctone, cioè non del luogo.

Cosa direste se introducessi un animale o un virus in un ecosistema delicato? L’ultima sperimentazione ha per esempio causato probabilmente l’epidemia della lingua blu. Ebbene parrebbe che nessuna di queste persone si sia posta il problema di cosa significhi Zps! Zps significa Zona a Protezione Speciale, cioè una zona che ha caratteristiche particolari proprie e di nessun altro luogo al mondo. E cosa fanno quelli che dovrebbero studiarla e proteggerla? Proporrebbero l’introduzione di una specie non presente, ad esempio un’ostrica che vive nell’Atlantico e che è affetta da un virus che ha decimato gli allevamenti francesi e sta creando danni anche in quelli della nostra regione.

Roba da matti, ma mi chiedo questi “studiati”, mi piace questo termine e lo trovo molto adatto, non dovrebbero essere gli stessi che avrebbero dovuto opporsi allo sversamento dei reflui del depuratore nel Calich? Allora mi rispondo: le ostriche hanno la capacità di filtrare l’acqua e di alimentarsi proprio con le microalghe, quindi deduco che un interesse potrebbe anche esserci a violentare un ecosistema senza rispettare i vincoli di una Zps. Che sia questo uno dei tanti motivi del disinteresse per la morte del Calich? Propongo un convegno pubblico invitando ad esempio l’Agris Sardegna o qualcuno dell’Università pratico del Calich oppure proprio l’Ente responsabile della Laguna che è il Parco Regionale di Porto Conte interessato più ai cinghiali che al problema ben più grave del Calich. Inviterei anche il Sindaco poiché sarebbe un’occasione ghiotta per rivedere il tutto anche sotto il profilo della Marea Gialla tanto per dare un po’ di colore.

*geometra algherese
Commenti
17:01
Una pianificazione degli ecocentri a livello regionale per scongiurare un impatto negativo degli impianti sull’ambiente e sulla popolazione. A sollecitare un provvedimento il consigliere regionale Edoardo Tocco (FI)
14:44
Lunedì 10 ottobre alle 11 i responsabili della Syndial, la società incaricata ad attuare le bonifiche nell’area industriale di Porto Torres, presenterà al pubblico presso il Museo del Porto lo studio di impatto ambientale e il relativo Progetto Nuraghe fase 1 “Realizzazione di una piattaforma polifunzionale e di un sito di raccolta” da realizzarsi nella zona industriale di “La Marinella”
18:48
«Ben venga la riforma delle agenzie ed il lavoro in rete», ha dichiarato nell´occasione l´assessore regionale dell´Ambiente
28/9/2016
Gli addetti dell´azienda che gestisce il servizio di igiene urbana, intervenuta su richiesta dell´amministrazione comunale ha effettuata una vasta pulizia nei vari terreni e cunette dove stati rimossi quintali di spazzatura tra oggetti di plastica, lattine, materiali della frazione indifferenziata, rifiuti ingombranti con gli scheletri arrugginiti di qualche elettrodomestico
19:24
Spazzatura di ogni genere abbandonata nello spazio tra la recinzione e il muro che delimita l’area dove sono state riprese le lavorazioni necessarie a completare l’opera avviata dalla società appaltatrice Lakit Srl
28/9/2016
"CircOliamo", la campagna educativa itinerante di sensibilizzazione sul corretto smaltimento dei lubrificanti, ha fatto tappa a Sassari, in piazza d´Italia
27/9/2016
Il dato emerge nella tappa a Olbia di CircOLIamo, la campagna educativa itinerante organizzata dal Consorzio obbligatorio degli oli usati con il patrocinio del ministero dell´Ambiente, Anci e Regione Sardegna
28/9/2016
Lo ha affermato l’assessore della Difesa dell’Ambiente Donatella Spano, commentando l’esito della riunione di ieri della Commissione Ambiente ed Energia della Conferenza delle Regioni
29/8/2016
Mercoledì 31 agosto resterà chiuso sino alle ore 14. I tecnici del Comune di Sassari eseguiranno il trattamento fitosanitario
© 2000-2016 Mediatica sas