Alguer.it
Notizie    Video   
NOTIZIE
Alguer.it su YouTube Alguer.it su Facebook Alguer.it su Twitter
Alguer.itnotiziealgheroAmbienteDisabili › Patente di buon pedone per 10 algheresi
S.A. 2 ottobre 2014
Il corso didattico è stato seguito da dieci persone diversamente abili: la Polizia Locale con l´aiuto di slide ha spiegato alle persone partecipanti le regole fondamentali alla sicurezza stradale
Patente di buon pedone per 10 algheresi


ALGHERO - Nei giorni scorsi è stato organizzato presso il Kartodromo di Fertilia il corso di educazione stradale "Crescere più Vigili" organizzato dall’assessorato ai Servizi Sociali del Comune di Alghero in stretta collaborazione con la Polizia Locale che ne ha curato l'aspetto didattico e organizzativo e il sig. Amodio che ha concesso gratuitamente la struttura. Al corso hanno partecipato dieci persone diversamente abili del Centro Ambulatoriale di Riabilitazione Globale di Alghero.

Il corso didattico si è svolto presso la sala del Kartodromo dove il personale della Polizia Locale con l'aiuto di slide ha spiegato alle persone partecipanti le regole fondamentali alla sicurezza stradale. Una parte pratica si è svolta nella pista del kartodromo dove è stata posizionata la segnaletica verticale utile alla dimostrazione. I partecipanti, i medici e gli accompagnatori sono rimasti entusiasti del corso e continueranno successivamente nelle proprie sedi a svolgere ulteriori approfondimenti su quanto spiegato.

Alla fine del percorso i ragazzi faranno un piccolo esame e nell'occasione sarà consegnato loro un attestato di partecipazione (patente di buon pedone) e svolgeranno delle prove pratiche affiancati da un operatore. «Si è trattato di un'iniziativa stupenda – ha sottolineato il Comandante Guido Calzia - vedere i sorrisi di questi ragazzi, non proprio fortunati, è stata un'emozione immensa. Il mio ringraziamento ai colleghi ed un plauso a chi ha creduto nell'iniziativa».
Commenti
18:07
L´assessore Firino ha spiegato che è stato necessario intervenire per garantire il servizio agli studenti delle scuole secondarie di secondo grado, al quale le Province erano impossibilitate a confermare l´attività
© 2000-2016 Mediatica sas