Alguer.it
Notizie    Video   
NOTIZIE
Alguer.it su YouTube Alguer.it su Facebook Alguer.it su Twitter
Alguer.itnotiziealgheroPoliticaPolitica › Salis e Daga rilanciano il nuovo Pd. Ecco i nomi della direzione
S.I. 6 ottobre 2014
I nomi (ufficiosi) della nuova direzione del Partito Democratico algherese dopo il congresso dello scorso sabato che ha confermato Mario Salis alla segreteria
Salis e Daga rilanciano il nuovo Pd
Ecco i nomi della direzione


ALGHERO – Come anticipato sabato sera da Alguer.it Mario Salis è stato eletto segretario cittadino del Partito Democratico [LEGGI]. Un voto piuttosto annunciato quello degli iscritti democratici che ha decretato la conferma di Salis alla guida del Pd catalano. Oltre l’elezione del
segretario le primarie del 4 ottobre sono servite anche per indicare i
nomi di coloro che andranno a formare la direzione locale oltre che la
rappresentanza algherese in provincia.

In attesa dell’ufficializzazione dei risultati, che passa attraverso
il controllo degli organi preposti facenti capo a Sassari, questi sono
alcuni dei nomi che dovrebbero far parte della direzione locale. Un
mix di giovani e esperti che, secondo le indicazioni di chi oggi tiene
le redini del partiti (in particolare l’assessore provinciale e
consigliere comunale Enrico Daga), dovrebbe dare nuovo slancio al
partito. Faranno parte della direzione Tonina Desogos, ideatrice e guida del Comitato della Rinascita delle borgate, Andrea Oliva, imprenditore e agente di viaggio, Gianni Contu, già consigliere comunale, Franco Santoro, presidente dell’associazione non vedenti, Gavino Scala, storico consigliere della sinistra, Carmelo Trova, geometra e imprenditore edile, Mariano Melis, già consigliere durante l’ultima esperienza Lubrano, Maria Masala, pensionata di Fertilia e poi Sabrina Torturu operatrice della comunicazione, Gianluigi Sechi, matematico consulente del Crs4, Fabrizio Madeddu, imprenditore nautico.

Da non dimenticare che, come raccontato in questi giorni, sul voto di
sabato pesa l’assenza di una porzione di iscritti al Pd che hanno
deciso di non partecipare alle primarie in rotta con l’attuale
dirigenza per la “cacciata” dovuta alla candidatura alle elezioni di
giugno nella lista civica “Per Alghero” a sostegno dell’attuale
sindaco Mario Bruno [LEGGI]. Ma dopo la tempesta, come spesso accade in questi casi, non è detto che giunga il sereno. Una volta eletto anche il
segretario regionale con le primarie del 26 ottobre (Renato Soru è il
favorito) possibile che si risolva, difficile dire una volta per
tutte, il “caso Alghero” con una ritrovata convergenza tra le varie
anime democratiche.

Nella foto: Mario Salis ed Enrico Daga
Commenti
29/8/2016
Nessuna norma regionale o nazionale vieta ai comuni di essere proprietario di un RSA, anzi, ci sono esempi sia in Sardegna che in Continente di Comuni che danno in gestione le proprie RSA ai Privati in accordo stretto con le Asl proprio per garantire meglio i propri pazienti e i propri anziani
28/8/2016
Il colpo di scure è arrivato con la recente seduta del Consiglio dei Ministri che decreta la chiusura e l’accorpamento di quarantacinque enti camerali su 105 esistenti oggi sul territorio nazionale
29/8/2016
Disoccupazione alle stelle in Sardegna. Pigliaru crei nuovi posti di lavoro anziché prendere in giro i sardi
28/8/2016
E´ curioso come l´assessore del Movimento dei puri e onesti, quello per intenderci che indica come mafiosi e corrotti tutti gli altri schieramenti politici e inclini al clientelismo le loro amministrazioni, per quasi un ventennio abbia lucrato proprio da Giunte multipartitiche prima di candidarsi alla guida dell´assessorato ai Lavori Pubblici, Edilizia Privata e Urbanistica dell´Amministrazione pentastellata cittadina
29/8/2016
Possibile uno slittamento a venerdì 16 settembre. Nel frattempo, si cerca l´unità d´intenti
29/8/2016
L´incontro con i cittadini sassaresi, ad ingresso libero, è in programma il primo settembre, alle ore 18.30, nella sala della Camera di Commercio, in Via Roma 74
29/8/2016
In linea di massima penso che sia utile che questo appuntamento segni ancora di più la nostra idea di governo del territorio fondata sugli interessi delle comunità e non sulle singole, pure legittime, ambizioni di persone o partiti. In sintesi: disposto a sostenere un progetto di governo dell’associazione che veda il protagonismo delle Unioni dei Comuni, montani e non, con sindaci che rappresentino i rispettivi territori in seno all’Anci
© 2000-2016 Mediatica sas