Alguer.it
Notizie    Video   
NOTIZIE
Alguer.it su YouTube Alguer.it su Facebook Alguer.it su Twitter
Alguer.itnotiziealgheroEconomiaAeroporto › Livingston ko, tracollo dopo Alghero
S.A. 6 ottobre 2014
Sospese le attività di volo da oggi. I problemi finanziari per il vettore non erano un mistero, e le prime avvisaglie c´erano state proprio sui collegamenti da e per Alghero in continuità territoriale, revocati dalla Regione
Livingston ko, tracollo dopo Alghero


ALGHERO – New Livingston sospende da oggi le proprie attività di volo. «Una decisione difficile e sofferta che arriva dopo circa tre anni di attività» si legge nella nota ufficiale della compagnia aerea di Riccardo Toto. I problemi finanziari per il vettore non erano un mistero, e le prime avvisaglie c'erano state proprio sui collegamenti da e per Alghero in continuità territoriale, revocati dalla Regione per il mancato rispetto del contratto [LEGGI]. A questo era seguito la sospensione della licenza a volare da parte di Enac [LEGGI] e la cancellazione del volo Alghero-Mosca annunciato a più riprese ma mai decollato.

Da Busto Arsizio fanno sapere che le ragioni vanno cercate nel «crollo del turismo, soprattutto del segmento vacanziero verso l’Egitto e il bacino del Mediterraneo, che ha subito un tracollo dopo la Primavera Araba e la conseguente instabilità dell’area, e la drastica riduzione di domanda per le rotte verso la Russia a causa della crisi politica in corso». Non solo: «un forte calo dei ricavi - aggiungono - è imputabile ad alcuni crediti non pagati quali ad esempio quelli dell’Aeroporto di Rimini, su cui la proprietà aveva puntato per il rilancio e verso cui vanta ancora un credito importante per biglietti venduti, le cui somme non sono state mai trasferite alla compagnia aerea».

New Livingston se la prende anche con «una rigidità non usuale che ha caratterizzato l’azione di alcuni enti e società nazionali, non ha consentito a New Livingston di sostenere l’attività, nonostante tutti i tentativi fatti per continuare le operazioni, sia attraverso ristrutturazioni aziendali, sia con la richiesta del Concordato in Continuità, oltre agli importanti investimenti fatti dalla proprietà». «La scelta aziendale di sospendere - è spiegato nel comunicato - le attività è stata preventivamente sottoposta all’attenzione degli organi preposti dal Tribunale di Busto Arsizio e ha l’obiettivo di tutelare il patrimonio della società». E ancora: «i dipendenti, le cui spettanze salariali saranno integralmente saldate, potranno usufruire degli ammortizzatori sociali previsti dalla legge. In data odierna è partito l’iter necessario per trovare una soluzione garantista per i lavoratori con l’obiettivo di ottenere la cassa integrazione entro il mese di ottobre».

«E’ una scelta di responsabilità chiudere la compagnia aerea senza debiti nei confronti dei dipendenti. La sofferta decisione che prendiamo in queste ore è conseguenza del fatto che rispetto a soli due anni fa, non esiste oggi un mercato per poter andare avanti. Il mercato charter è stato completamente sconvolto da fattori interni, ma soprattutto dalle turbolenze internazionali», è il commento di Riccardo Toto, che nel 2011 ha rilevato la compagnia aerea dall’Amministrazione Straordinaria.

Nella foto: Riccardo Toto
Commenti
24/6/2016
Il dado è tratto, e ufficialmente con l’abbandono di Ryanair, Alghero non ha più alcun collegamento internazionale con la compagnia low cost
24/6/2016
Anche maggio conferma il precipizio Sogeaal a dieci anni fa: solo 110.368 i passeggeri sull´aeroporto di Alghero, come nel 2007. Dimezzati i transiti internazionali
25/6/2016
Lo dichiara il segretario nazionale dell’Ugl Trasporto aereo Francesco Alfonsi, spiegando che «gli effetti dell’attuazione del nuovo progetto, sia a livello normativo che economico, sarebbero ancora più nefasti della precedente proposta aziendale»
24/6/2016
Il nuovo volo Easyjet verrà operato due volte a settimana, il mercoledì e la domenica, con aeromobili Airbus 319 da 156 posti e 320 da 180 posti
24/6/2016
La rotta con le Marche si va ad aggiungere ai voli, già operativi, alla volta di Catania, Genova, Torino, Venezia, Verona e Napoli, portando a sette il numero delle destinazioni collegate dal vettore
24/6/2016
La rotta con le Marche si va ad aggiungere ai voli per Catania, Genova, Torino, Venezia, Verona e Napoli, portando a sette il numero dei collegamenti operati dal vettore tra il capoluogo regionale e la Penisola
© 2000-2016 Mediatica sas