Alguer.it
Notizie    Video   
NOTIZIE
Alguer.it su YouTube Alguer.it su Facebook Alguer.it su Twitter
Alguer.itnotiziesardegnaSaluteSanità › «La Sardegna ha le competenze per far fronte all’ebola»
A.B. 8 ottobre 2014
«Non facciamo inutile allarmismo nei confronti della popolazione. La situazione nell’Isola è sotto controllo ».Lo dichiara l’assessore regionale della Sanità Luigi Arru, che invita comunque alla cautela
«La Sardegna ha le competenze per far fronte all’ebola»


CAGLIARI - «La Sardegna è in grado di fare fronte a un eventuale caso di sospetta infezione del virus dell’ebola». A dirlo è l’assessore regionale della Sanità Luigi Arru, che invita comunque alla cautela: «Non facciamo inutile allarmismo nei confronti della popolazione. La situazione in Sardegna è sotto controllo».

Infatti, già da agosto, quando è stata dichiarata l’emergenza internazionale, la Regione ha provveduto ad allertare i responsabili dei centri delle malattie infettive di Cagliari e Sassari. «Abbiamo subito dettato le linee di lavoro – ha precisato l’assessore Arru - e attivato tutte le misure preventive, pratiche e operative, compresi corsi di sensibilizzazione al trattamento della materia, testando la reattività di risposta che reputo molto buona».

«In Sardegna abbiamo tutte le competenze e siamo accreditati per ricevere e distinguere un eventuale soggetto portatore del virus dell’ebola, e fare così fronte al problema». A preoccupare maggiormente l’assessore Arru è un’altra criticità sanitaria: «Nell'Isola, più dell’ebola – conclude l’esponente della Giunta Pigliaru - mi spaventa l’aumento di infezioni come l’Aids, la sifilide e la tubercolosi».

Nella foto: l’assessore regionale Luigi Arru
Commenti
17:00
Eseguito nei giorni scorsi all´ospedale “San Martino” di Oristano il primo intervento di endocrinochirurgia sulle paratiroidi. Si tratta di piccole ghiandole poste dietro quella tiroidea
22/2/2017
Il senatore Raffaele Volpi, vicepresidente nazionale di Noi con Salvini e firmatario dell’interrogazione, annuncia battaglia dando voce alle numerose lamentele degli allevatori impossibilitati a regolarizzare i propri allevamenti suini entro i termini stabiliti scaduti il 30 novembre 2015 a causa delle pesanti sanzioni da pagare
© 2000-2017 Mediatica sas