Alguer.it
Notizie    Video   
NOTIZIE
Alguer.it su YouTube Alguer.it su Facebook Alguer.it su Twitter
Alguer.itnotiziesardegnaPoliticaAgricoltura › Pigliaru incontra le associazione agricole
A.B. 16 ottobre 2014
Il presidente della Regione Autonoma della Sardegna, insieme all’assessore dell’Agricoltura Elisabetta Falchi, oggi pomeriggio ha partecipato all’incontro con le maggiori associazioni di categoria
Pigliaru incontra le associazione agricole


CAGLIARI - «Dobbiamo mettere una nuova attenzione nell'agricoltura produttiva, entrando in una precisa logica dove nuovi mercati si stanno aprendo e noi dobbiamo esserci». Lo ha dichiarato il presidente della Regione Autonoma della Sardegna Francesco Pigliaru durante l'incontro, richiesto dalle organizzazioni agricole, che si è tenuto giovedì pomeriggio in Viale Trento, con le maggiori associazioni di categoria (“Coldiretti”, “Cia”, “Confagricoltura” e “Copagri”) e l'assessore regionale dell'Agricoltura Elisabetta Falchi.

«Aprire nuovi mercati per l'agroalimentare sardo vuol dire fare rete, mettere assieme le migliori idee, le migliori esperienze commerciali, anche quelle dell'imprenditore più piccolo», ha osservato il presidente. Per migliorare il settore, ha spiegato Pigliaru, «dobbiamo portare maggiore istruzione in agricoltura per le nuove generazioni. I giovani decidono di puntare su quel mondo solo se vedono una prospettiva».

L'assessore Falchi ha espresso «soddisfazione per l'incontro particolarmente positivo e ricco di spunti utili per migliorare il mondo delle campagne». A margine del faccia a faccia, la titolare dell’Agricoltura ha aggiunto: «con il presidente Pigliaru abbiamo ascoltato le proposte delle associazioni di categoria, ci siamo confrontati e abbiamo ragionato su piani di intervento da mettere in campo per la valorizzazione dell’agroalimentare sardo, il rilancio della filiera lattiero-casearia, la lotta alle epidemie della blue tongue e della peste suina africana».

Nella foto: il presidente della Regione Sardegna Francesco Pigliaru
Commenti
15:29
I risultati, presentati ai giornalisti, hanno fatto emergere luci ed ombre. Sondaggio su un campione di 60 aziende, in pochi esportano e guardano soprattutto all´Est
20/2/2017
«Come mai – si domanda Battista Cualbu – non sono stati resi pubblici questi dati?. Nei primi quattro mesi (ottobre – gennaio) le produzioni segnano un meno 34 per cento
© 2000-2017 Mediatica sas