Alguer.it
Notizie    Video   
NOTIZIE
Alguer.it su YouTube Alguer.it su Facebook Alguer.it su Twitter
Alguer.itnotiziesardegnaEconomiaAgricoltura › Credito agricolo: consolidare i debiti e prestito di esercizio
A.B. 5 novembre 2014
Le proposte di Copagri dopo il riavvio del confronto, commenta la situazione nell´Isola, a partire dall´incontro della scorsa settimana tra l´assessore regionale Falchi e le Organizzazioni professionali
Credito agricolo: consolidare i debiti e prestito di esercizio


CAGLIARI - Riparte il dibattito sul credito agrario e “Copagri Sardegna” presenta le sue proposte. La scorsa settimana, l’assessore regionale dell’Agricoltura Elisabetta Falchi, sentita la “Sfirs” ed il “Banco di Sardegna” (che eroga nell’Isola circa l’80percento del credito in agricoltura), ha avviato il confronto con le Organizzazioni professionali agricole sul tema. Copagri ha ben accolto la notizia, che dimostra la volontà di ricostruire una politica per il credito, da diversi anni scomparsa dall’agenda politica. Tra gli annosi problemi che affliggono il settore ci sono la difficoltà di accesso al credito ed i tassi di interesse molto elevati, come è stato evidenziato dal presidente di Copagri Sardegna Ignazio Cirronis e dal suo coordinatore Pietro Tandeddu.

Infatti, pur in presenza di un tasso di sconto pari allo 0,25percento stabilito dalla Bce, i tassi sono compresi entro una forbice di 2,5-8 punti oltre l’Euribor, a seconda del rating delle aziende. Inoltre, è indispensabile coinvolgere, oltre la Sfirs ed il Banco di Sardegna, tutti i soggetti che hanno voce in capitolo come i consorzi fidi agricoli, l’“Abi Sardegna” e l'“Ismea”, così come è importante avere dati aggiornati per avere un quadro dettagliato e al passo con i tempi, in particolare, dei debiti in situazione di incaglio e sofferenza. «La prima azione da intraprendere è il consolidamento dei debiti a breve termine portandoli a medio-lungo periodo, questo tramite un accordo tra banche ed imprese agricole rappresentate dalle Organizzazioni di categoria. Ismea potrebbe fornire garanzie dirette a prima richiesta grazie ai fondi che le erano stati erogati dalla Regione all’epoca della Giunta Soru», spiegano i rappresentanti di Copagri.

Inoltre, «l'azione dovrebbe coinvolgere la Sfirs per l’estensione del Fondo di Garanzia regionale anche alle imprese agricole di produzione (il fondo oggi è rivolto solo alle imprese industriali). In secondo luogo, dopo che il microcredito deliberato dalla vecchia Giunta regionale si è rivelato una “bufala” perché sprovvisto di fondi, va riattivato il prestito agevolato di esercizio a breve termine, come fanno da anni molte Regioni italiane nel rispetto delle regole europee. Occorre la costituzione di un fondo dedicato per l’abbattimento dei tassi di interesse, il coinvolgimento dei consorzi fidi per sfruttare le loro convenzioni già attive con gli istituti di credito e la fornitura di garanzie». Anche qui Ismea e Sfirs potrebbero avere un ruolo importante. Inoltre, resta sempre attuale l’esigenza di favorire la capitalizzazione delle imprese agro industriali. Infine, secondo Copagri, va riattivata la Legge regionale n.4 del 1998 per poter intervenire sulle aziende agricole in difficoltà, con piani personalizzati da sottoporre preventivamente alla Commissione europea.
Commenti
22/6/2016
I terreni in località Sa Segada, Fighera e Porticciolo oggi abbandonati potranno dare risposte importanti in termini occupazionali. Le domande dovranno essere presentate entro il 31 agosto
23/6/2016
«In arrivo l´accordo tra Abi e Argea per le anticipazioni del Psr», annuncia l´assessore regionale dell´Agricoltura Elisabetta Falchi
24/6/2016
Il volume di acqua presente all’interno della Diga del Liscia risulta pari a poco meno di 50milioni di metri cubi. «Rispettare le turnazioni», chiede il Consorzio di Bonifica della Gallura
24/6/2016
L’infestazione sta causando il blocco dell’estrazione del sughero. Per combattere il fenomeno, servono più risorse e una programmazione a lungo termine. «Dalla Regione servono più risorse», dichiarano i rappresentanti della Coldiretti Sassari e Gallura
22/6/2016
«Sono interventi indispensabili che confermano il nostro impegno a favore del comparto e mettono a disposizione delle aziende strumenti in grado di mitigare l’impatto dei ritardi ormai cronici nell’iter burocratico per i pagamenti e favorire la disponibilità di liquidità», dice l’esponente della giunta Pigliaru
© 2000-2016 Mediatica sas