Alguer.it
Notizie    Video   
NOTIZIE
Alguer.it su YouTube Alguer.it su Facebook Alguer.it su Twitter
Alguer.itnotiziesardegnaPoliticaRegione › Demuro: «una svolta per la Pubblica Amministrazione»
A.B. 13 novembre 2014
L´assessore regionale degli Affari generali e Personale commenta così sul decreto legge chiamato Disposizioni urgenti, che servirà per la riorganizzazione della Regione
Demuro: «una svolta per la Pubblica Amministrazione»


CAGLIARI - Arriva in aula il decreto legge 72, “Disposizioni urgenti in materia di organizzazione della Regione”, dell'assessore regionale degli Affari generali e Personale Gianmario Demuro. «Questa legge - ha spiegato l'esponente della Giunta Pigliaru nell'aula del Consiglio Regionale di Via Roma - vuole intervenire su alcuni elementi di fondamentale importanza e che non possono essere più ignorati e rimandati. Il dl si chiama appunto "Disposizioni urgenti", che significa intervenire su alcuni profili, e questo deve servire a far funzionare la macchina regionale contemporaneamente agli interventi di riforma».

L'assessore Demuro ha ricordato i grandi temi di questa riforma, a partire dalla mobilità. «Volevo rassicurare tutti i dipendenti: la mobilità sarà una grande occasione per spostarsi in maniera flessibile e lavorare nei luoghi dove meglio possono essere espresse le potenzialità e le professionalità di ciascuno, e di conseguenza far funzionare il sistema. La complessità della mobilità cosi com'è oggi va cambiata in funzione delle esigenze dei tempi, dei lavoratori e dell'offerta dei servizi ai cittadini, garantendo la funzione pubblica». Altro strumento indispensabile di cui la Regione Autonoma della Sardegna non si è dotata è la banca dati delle competenze. «Serve sapere - ha detto Demuro - dove sono e cosa fanno i dipendenti». Ancora, fondamentale strumento è la valutazione delle performance.

«Negli enti locali viene fatta da anni, mentre in Regione questa pratica, come se si vivesse in una bolla, non si è adottata. È necessario valutare il coefficiente di difficoltà, valutare l'uso delle risorse pubbliche: tutti elementi per restituire al cittadino in efficienza il valore delle tasse che paga. A questo serve la verifica delle azioni dirigenziali». Infine l'appello al Consiglio: «ho rispetto e chiedo al Consiglio Regionale che nel rispetto delle proprie competenze riprenda a legiferare in grande e pensando a tutto ciò che riguarda la prospettiva. Ho difeso anche in Commissione Affari costituzionali, nella conferenza delle Regioni, il valore della democrazia e della rappresentanza regionale: tutto ciò che serve per far funzionare con efficacia l'Amministrazione Pubblica. Quello di cui abbiamo bisogno - ha concluso l'assessore del Personale- è una gestione di tipo orizzontale. Le materie sono sempre più trasversali ed è necessaria interdisciplinarietà».
Commenti
28/9/2016
Il presidente Francesco Pigliaru e gli assessori Donatella Spano E Maria Grazia Piras hanno ribadito la posizione dell´Ente: «La posizione della Giunta Regionale è molto chiara: noi vogliamo valorizzare e rendere sempre più produttive le terre agricole della Sardegna, non certo regalarle»
28/9/2016
«Sudamerica potenziale mercato per l´agroalimentare sardo», ha sottolineato il presidente della Regione Autonoma della Sardegna
27/9/2016
Un dossier di 16 pagine con la cronologia delle cose fatte sinora dalla Giunta, gli interventi legislativi da affrontare subito. In prospettiva c´è il rimpasto, ma il governatore preferisce parlare di "rafforzamento della Giunta"
© 2000-2016 Mediatica sas