Alguer.it
Notizie    Video   
NOTIZIE
Alguer.it su YouTube Alguer.it su Facebook Alguer.it su Twitter
Alguer.itnotiziesardegnaPoliticaRegione › Paci: «il Centrodestra non ha nulla da insegnarci»
A.B. 13 novembre 2014
«Hanno lasciato un´economia disastrosa. Sui 97milioni di accantonamenti, stiamo già lavorando con Roma», commenta l´assessore regionale della Programmazione e Bilancio a proposito della Vertenza Entrate
Paci: «il Centrodestra non ha nulla da insegnarci»


CAGLIARI- «Forse i consiglieri di Forza Italia, con in testa l'ex presidente Cappellacci, pensano di poter insegnare qualcosa a questa Giunta, ma si sbagliano di grosso. Farebbero bene a stare in silenzio, perché se ancora esiste una Vertenza Entrate la colpa è solo del Centrodestra che dal 2010 in poi l'ha lasciata irrisolta, caricandola su questo Esecutivo che se ne sta occupando sin dal primo momento, ben consapevole del fatto che non può certo essere solo un ricorso davanti alla Corte Costituzionale a risolvere definitivamente la situazione. La Giunta Cappellacci ha avuto cinque anni di tempo per risanare le casse della Sardegna e invece ha lasciato solo disastri».

L'assessore regionale della Programmazione e Bilancio Raffaele Paci replica agli attacchi dei consiglieri di Forza Italia [LEGGI] rientrando da Roma, dove oggi ha avuto alcuni incontri alla Ragioneria dello Stato per riprendere il confronto sui 97milioni di nuovi accantonamenti in più richiesti alla Sardegna dalla Legge di Stabilità del Governo Renzi. «Non stiamo facendo alcuna retromarcia sull'accordo firmato a luglio - sottolinea l'assessore - ma in questi mesi alcune cose sono cambiate, prima fra tutte la richiesta dei 97milioni che vanno ad aggiungersi ai 570 previsti. Quindi è assolutamente strumentale attaccare l'accordo di luglio: siamo l'unica regione ad aver ottenuto che i 230milioni di riserve erariali vengano spese per abbattere il debito pubblico regionale e non nazionale e abbiamo incassato 230milioni in più per il 2014 rispetto a quelli inizialmente previsti. Sui 97milioni stiamo già da tempo lavorando con Roma, mentre il riconoscimento degli arretrati su Ires, giochi e riserve finanziarie, e stiamo parlando di 600milioni dal 2010 in poi e di circa 120 a regime - aggiunge il vicepresidente della Giunta - rientra nella Vertenza Entrate lasciata irrisolta proprio dal Centrodestra visto che la rivendicazione parte dal 2010».

«Sovrapporre le due cose, cioè accordo di luglio e Vertenza entrate non ha alcun senso ed è irresponsabile: noi andiamo avanti, continuiamo il confronto con lo Stato alla luce delle novità arrivate dopo l'accordo di luglio, dunque proseguiamo  il confronto su questioni specifiche senza disconoscere l'accordo. Il nostro obiettivo è quello di tirar fuori la Sardegna da una difficile situazione economica e, allo stesso tempo - sottolinea l'esponente della Giunta Pigliaru - lavorare per il suo rilancio economico dopo il disastro di fronte al quale ci siamo trovati dopo i cinque anni di governo del Centrodestra». Sulla richiesta di illustrare al Consiglio regionale la situazione, Paci ricorda di «essere stato sempre disponibile al dibattito in Aula» ed assicura che «ogni novità rispetto al confronto con lo Stato sarà immediatamente comunicata all'assemblea regionale».

Nella foto: l'assessore regionale Raffaele Paci
Commenti
29/4/2017
E’ inutile che mandi patetici comunicati con il suo “lo ho detto e lo ripeto”, l’assessore Paci e la Giunta Pigliaru sono stati bocciati prima dai numeri, poi dalla Corte Costituzionale e ora anche dalla Corte dei Conti
29/4/2017
Il 2 maggio, si riuniscono la Prima Commissione Autonomia (alle ore 15) e la Quarta Ambiente (alle 16.30). All’ordine del giorno, l’audizione degli Ordini degli ingegneri e degli architetti e del Collegio dei geometri
29/4/2017
«Difficoltà dovute a norme completamente nuove. Lavoriamo per superarle e garantiamo trasparenza dei conti pubblici», dichiara l´assessore regionale del Bilancio
29/4/2017
Entro maggio è prevista la sottoscrizione del primo accordo di programma. Intanto, Nuoro, ha ospitato un incontro per la verifica dell´iter, con la presenza degli assessori regionali degli Affari generali Filippo Spanu e della Cultura Giuseppe Dessena
28/4/2017
«Le Regioni devono unire le forze per rivendicare i propri diritti con il governo», ha dichiarato il vicepresidente regionale Raffaele Paci, che ha partecipato alla due giorni di approfondimento organizzata dal Consiglio regionale in collaborazione con la Conferenza dei presidenti delle assemblee legislative delle Regioni e delle Province autonome
© 2000-2017 Mediatica sas