Alguer.it
Notizie    Video   
NOTIZIE
Alguer.it su YouTube Alguer.it su Facebook Alguer.it su Twitter
Alguer.itnotiziealgheroPoliticaGiochi › Algheresi malati di gioco: misure anti-slot in Aula
S.A. 14 novembre 2014
Sulla questione il gruppo consiliare di Forza Italia ha presentato una mozione che chiede un impegno preciso dell'amministrazione comunale suggerendo alcune misure già adottate in altri comuni
Algheresi malati di gioco: misure anti-slot in Aula


ALGHERO - Un milione di italiani ha problemi legati alla dipendenza dal gioco d'azzardo e 200mila circa sono i giocatori patologici. Il fenomeno è in costante aumento e Alghero non fa eccezione. Sono uomini e donne di ogni età e condizione sociale che dipendono da una slot-machine, un poker online, o qualsiasi gioco a pagamento. Chi ci rimette lo stipendio, la pensione o i risparmi di famiglia: sono centinaia le storie che ruotano attorno alla disperazione di quella che dal 2003 è riconosciuta come una "dipendenza comportamentale".

Sulla questione il gruppo consiliare di Forza Italia ha presentato una mozione che, da una parte, fotografa in città «la crescente diffusione delle slot-machines elettroniche nei bar, nelle tabaccherie, nei circoli e nei centri scommesse»; e dall'altra, punta il dito contro «la liberalizzazione che ha aumentato le entrate nelle casse pubbliche, ma ha anche innescato un effetto perverso causa di rovina per tante famiglie italiane». Per questo le Asl da tempo si sono attivate per affrontare la patologia con delle vere e proprie “task force” specializzate presso i Sert, dove le vittime possono rivolgersi per ricevere assistenza ed avviare un percorso di recupero.

Quello che manca è l'impegno della politica locale secondo i consiglieri azzurri Maurizio Pirisi, Nunzio Camerada e Michele Pais che nel documento chiedono un impegno preciso dell'amministrazione comunale algherese, prendendo come spunto alcune misure intraprese da altri comuni, quali: il divieto d’utilizzo delle macchinette alla mattina; la limitazione dell’orario di utilizzo nell’arco della giornata; l’inserimento, in prossimità delle “macchinette” di cartelli ben visibili per avvertire i frequentatori della pericolosità che deriva dal loro frequente utilizzo; l’installazione delle stesse in spazi separati e non visibili direttamente dal pubblico.

Non solo, da Forza Italia arriva la richiesta di un percorso informativo principalmente rivolto ai giovani, agli anziani e a tutte le categorie sociali particolarmente sensibili al fenomeno con la partecipazione delle foze dell'ordine; la promozione di iniziative di informazione e formazione sull’uso delle slot-machines e l’accesso al gioco d’azzardo su internet, con il coinvolgimento diretto delle scuole e delle associazioni impegnate sulle tematiche sociali.
Commenti
© 2000-2016 Mediatica sas