Alguer.it
Notizie    Video   
NOTIZIE
Alguer.it su YouTube Alguer.it su Facebook Alguer.it su Twitter
Alguer.itnotiziesardegnaPoliticaPolitica › Peculato, Barracciu: contestate spese per 78mila euro
S.A. 14 novembre 2014
Chiusa l'inchiesta sul sottosegretario ai Beni culturali accusata, quando era consigliere regionale, di peculato aggravato per il presunto uso illecito dei fondi destinati ai gruppi del Consiglio sardo
Peculato, Barracciu: contestate spese per 78mila euro


CAGLIARI - La Procura di Cagliari ha chiuso l'inchiesta su Francesca Barracciu, sottosegretario ai Beni culturali accusata, quando era consigliere regionale, di peculato aggravato per il presunto uso illecito dei fondi destinati ai gruppi del Consiglio sardo.

Come riferisce l'Ansa, all'esponente del Partito democratico, il pubblico ministero Marco Contu contesterebbe spese per 78mila euro.

Spetta ora al sostituto procuratore formulare le sue richieste al Gip per un eventuale rinvio a giudizio o per l'archiviazione. Nei vari filoni d'inchiesta sono indagati quasi 90 consiglieri della XIII e XIV legislatura per l'utilizzo non regolare dei fondi destinati ai gruppi.

Nella foto: Francesca Barracciu
30/11/2016
E´ cortocircuito in Sinistra Civica, Alghero in Comune: il consigliere comunale Giampietro Moro smentisce di aver partecipato al direttivo che ha firmato il documento odierno contro l´Udc
30/11/2016
Nominati quattro nuovi rappresentanti territoriali: tre sono donne. È forte l’azione politica del partito per sensibilizzare i cittadini a votare No al referendum costituzionale di domenica 4 dicembre
30/11/2016
All’annuncio del risultato, 453 i voti favorevoli, un gruppo di vecchi garibaldini dalle balconate del pubblico intonò l’inno nazionale costringendo l’intera assemblea costituente a levarsi dagli scranni facendo seguire applausi scroscianti ai versi di Fratelli d’Italia. Eppure quella stessa Costituzione, fin dal giorno in cui era stata votata, fu subito contestata. E duramente criticata non solo dalla destra monarchica e fascista che era rimasta fuori dal patto costituzionale, ma anche dagli stessi protagonisti che ne avevano determinato sia lo spirito che la forma. Il 4 dicembre, con il referendum confermativo si giocherà l’ultima partita di questa lunga storia.
© 2000-2016 Mediatica sas