Alguer.it
Notizie    Video   
NOTIZIE
Alguer.it su YouTube Alguer.it su Facebook Alguer.it su Twitter
Alguer.itnotiziesardegnaOpinioniPoliticaLa giunta delle marmotte è sempre in letargo
Marcello Orrù 15 novembre 2014
L'opinione di Marcello Orrù
La giunta delle marmotte è sempre in letargo


Le dichiarazioni dell'Assessore Paci riguardo la difficile situazione che sta vivendo la nostra regione hanno dell'incredibile. Si continua a rievocare presunti errori e inerzia della giunta precedente che invece aveva innescato un confronto molto duro con il governo nazionale sulla vertenza entrate, sul fronte trasporti, sull'obiettivo di trasformare l'isola in una zona franca. Battaglie importanti che oggi fanno emergere in pieno la differenza tra la giunta precedente e quella attuale: la verità è che ci troviamo di fronte ad una giunta che fino ad ora è stata veramente poco incisiva.

Se volessi simboleggiare con un'immagine l'attuale giunta regionale mi verrebbe da pensare ad un gruppetto di marmotte con la differenza che la giunta Pigliaru dal mese di febbraio in cui è stata eletta non si è mai svegliata dal letargo. La nostra Regione è paralizzata, le imprese chiudono e chi resiste lo fa tra mille difficoltà: addirittura in certe zone industriali e aree pip manca l'acqua e l'adsl, servizi basilari per poter fare impresa.E' vergognoso.La macchina regionale è lentissima, i problemi non vengono risolti.

In questi giorni diverse amministrazioni provinciali e locali, molte a guida Pd, stanno protestando per i tagli delle risorse agli enti locali da parte del governo. Una protesta sacrosanta perchè si stanno tagliando i servizi basilari destinati ai cittadini che d'altra parte tra tasse sulla casa, la vergognosa tassa di Abbanoa sull'acqua e altri balzelli, sono sempre più in difficoltà. Ma questi amministratori, verso cui sono pienamente solidale, non dovrebbero omettere che i principali responsabili di questa situazione sono due: il governo Renzi che si conferma nemico della nostra terra e che ha tagliato in maniera indecorosa le risorse per la Sardegna e la giunta lumaca di Pigliaru.

Una constatazione semplice: il governo e la regione sono guidati dal Partito Democratico che negli ultimi tre governi è stato il principale artecifice di una totale sottomissione del nostro Paese ai burocrati di Bruxelles, a quell'Europa che è lontana anni luci dal sogno dei suoi padri fondatori e che invece si conferma oggi il principale nemico delle famiglie e delle imprese italiane. La verità è che anche nel Pd diversi settori stanno iniziando ad ammettere che l'ingresso dell'Italia nell'Euro voluta da Prodi e dai suoi amici di Bruxelles, è stata per il nostro Paese una scelta scellerata che oggi si ripercuote in maniera gravissima sull'economia delle regioni e dei territori. Ecco perchè dai territori dovrebbe partire la battaglia politica più importante: quella dell'uscita dell'Italia dall'Euro, prima che sia troppo tardi.

*Consigliere regionale del Psd'Az
Commenti
21:36
E’ sconcertante che il massimo rappresentante dei sardi, totalmente assente nelle fasi calde della vertenza, si limiti a serafici comunicati da Bruxelles, senza il minimo rispetto per quattrocento persone che vedono sfumare il proprio posto di lavoro
9:36
Forza Italia Alghero mette in evidenza la recente delibera della Corte dei Conti sul Piano delle partecipate presentato dall´Amministrazione comunale
28/6/2016
Avviata la class action di Unidos per fermare le cartelle del gestore dell´acqua arrivate nelle scorse settimane nelle cassette delle poste dei sardi. I legali hanno depositato il ricorso nel Tribunale di Cagliari
9:48
Una Città trascurata, in balia di una amministrazione schiava della sua instabilità, dove il Primo Cittadino ha fatto di tutto per isolarsi e perdere tutti i contatti e le “simpatie” delle “amministrazioni amiche”
28/6/2016
La sezione sassarese di CasaPound Italia interviene in merito «al totale degrado in cui versa Piazzale Segni, vetrina dei maggiori eventi sportivi e culturali cittadini»
27/6/2016
E’ assurdo che ogni decisione venga calata dall’alto, da Roma, lasciando poi alle comunità, alle Forze dell’ordine, ai volontari il compito di arrangiarsi di fronte ad un fenomeno di proporzioni gigantesche
© 2000-2016 Mediatica sas