Alguer.it
Notizie    Video   
NOTIZIE
Alguer.it su YouTube Alguer.it su Facebook Alguer.it su Twitter
Alguer.itnotiziesardegnaPoliticaRegione › Edilizia abitativa: tra tradizione ed innovazione
A.B. 17 novembre 2014
«Materiali legati alla tradizione della Sardegna, semplificazione normativa, efficientamento energetico, valorizzazione delle aree a vocazione metropolitana e di quelle interne, sono il connubio vincente per far ripartire il settore dell´edilizia in Sardegna. Questo è uno dei punti chiave del disegno di legge in materia di urbanistica ed edilizia che abbiamo aperto al confronto pubblico», dichiara l´assessore regionale Cristiano Erriu
Edilizia abitativa: tra tradizione ed innovazione


CAGLIARI – «Materiali legati alla tradizione della Sardegna, semplificazione normativa, efficientamento energetico, valorizzazione delle aree a vocazione metropolitana e di quelle interne, sono il connubio vincente per far ripartire il settore dell'edilizia in Sardegna. Questo è uno dei punti chiave del disegno di legge in materia di urbanistica ed edilizia che abbiamo aperto al confronto pubblico». Lo ha dichiarato lunedì l'assessore regionale dell'Urbanistica ed Enti locali Cristiano Erriu, presente al convegno organizzato da Filca Cisl, che ha affrontato il tema della bioedilizia.

Argomenti cari e messi in evidenza dall'esponente della Giunta Pigliaru sono stati il tema della semplificazione burocratica, la necessaria combinazione tra tradizione ed innovazione per ciò che riguarda materiali ed esigenze urbanistiche e la costruzione di un sistema di regole il più possibile condiviso dalle parti interessate. «Il disegno di legge - spiega Erriu - affronta in maniera coraggiosa alcuni temi, come quello dell'uso dell'incentivo volumetrico che serva a favorire processi virtuosi come ampliamenti soggetti però a efficientamento energetico, l'uso di materiali a km zero, e il rispetto della tradizione coerente con l'identità dei luoghi nei quali si opera».

Anche il tema della tutela del paesaggio e del basso impatto ambientale che devono avere gli interventi è stato messo in luce dall'esponente dell'Esecutivo: «La tutela del paesaggio, caro a tutti, non può essere preso come oggetto di contrapposizione tra ambientalisti e operatori del settore. Dobbiamo pensare un'idea di Sardegna unitaria, disegnarla tenendo conto di uno sviluppo sostenibile, sia delle aree interne che delle coste. Penso anche al patrimonio edilizio pubblico, in molti casi ormai inadeguato e sul quale è necessario fare un ulteriore e ancora diverso ragionamento».

Per scrivere le regole, ha detto l'assessore dell'Urbanistica, è necessario creare un processo di pianificazione il più possibile condiviso e che consideri il territorio in un'ottica d'insieme. E in questo ragionamento complessivo non si può non tenere in debito conto il freno burocratico creato dalla pubblica amministrazione. «Abbiamo scritto in maniera attenta quelli che sono i processi di semplificazione burocratica necessari per superare uno dei problemi più gravi e sentiti dagli operatori in campo edile. Dobbiamo dare tempi adeguati di risposta ai cittadini come pubblica amministrazione».

Nella foto: l'assessore regionale Cristiano Erriu
Commenti
26/7/2016
La Asl unica incorporerà, subentrando nei rapporti attivi e passivi, tutte le altre aziende sanitarie dell´Isola. Bocciato emendamento di Roberto Desini che ha proposto Sassari come sede regionale
25/7/2016
Stiamo assistendo ormai da diversi anni a dei veri e propri agguati umanitari nell’assoluta debolezza del Governo Regionale, che in questo modo costringe i territori a delle politiche di accoglienza del tutto emergenziali
8:43
Riguardo alle recenti polemiche in merito alle liste di attesa per interventi oncologici, l´Assessorato della Sanità e la Direzione dell´Azienda Ospedaliero Universitaria di Sassari confermano «il proprio impegno, mai venuto meno nei mesi dall’insediamento del Commissario ad oggi, perché i problemi vengano affrontati e risolti»
26/7/2016
L’assessore degli Enti locali Cristiano Erriu ha illustrato ieri la prima proposta del Piano di riordino territoriale ai sindaci di alcune aree della Sardegna per le quali era necessario sentire gli amministratori locali per capire quale, tra le possibili soluzioni prospettate, sia la più idonea
© 2000-2016 Mediatica sas