Alguer.it
Notizie    Video   
NOTIZIE
Alguer.it su YouTube Alguer.it su Facebook Alguer.it su Twitter
Alguer.itnotiziealgheroSportSport › Premio Fair Play a Pietro Doppio e Luca Belli
Antonio Sini 16 dicembre 2014
Il Panathlon di Alghero ha assegnato l’ambito riconoscimento a due protagonisti dello sport algherese, esempi di grandi valori per tutti
Premio Fair Play a Pietro Doppio e Luca Belli


ALGHERO - Il Panathlon Club di Alghero, guidato dal presidente Peppinetto Musu, ha consegnato i premi “Fair Play” a due esponenti dello sport algherese che sia nel passato che attualmente si distinguono per il loro impegno e sacrificio e possano essere d’esempio per tutti. Alla premiazione erano presenti i panathleti di Alghero e il consiglio direttivo, che all’unanimità ha deliberato di assegnare l’ambito riconoscimento a Pietro Doppio e Luca Belli.

Un premio Fair Play alla carriera per Doppio, conosciuto con il nome di “Pietrino Doppiu”, grande giocatore della Polisportiva Alghero negli Anni Sessanta e Settanta. Terzino destro dotato di doti atletiche incredibili, è stato per anni il capitano di una squadra che ad Alghero ricordano quelli che oggi hanno i capelli bianchi e superato gli anta di età. Mastino e marcatore implacabile, è riuscito con le sue famose “sgroppate” a anticipare i tempi, proponendosi come terzino incontenibile sulla sua fascia di competenza. Il premio fair play a Pietrino Doppiu (noi lo conosciamo così) è un riconoscimento per un atleta esemplare, che ha esaltato valori prioritari come la famiglia, il proprio lavoro, la Polisportiva Alghero e gli amici. Un uomo che può essere di esempio per le giovani generazioni, per troppo tempo dimenticato a torto. E le sue gesta sono state rinverdite nel corso della manifestazione da ex giocatori che hanno indossato la gloriosa maglia giallorossa come Manlio Masu e Franco Piras.

L’altro premiato, Luca Belli, è l’esempio vivente di chi nonostante le avversità della vita non si arrende mai. Un brutto incidente lo ha costretto su una sedia a rotelle ma, piuttosto che abbattersi e scoraggiarsi, si è tuffato nello sport, come il tennis in carrozzina, il paracadutismo e le immersioni subacquee. Con queste ha ritrovato grandi stimoli e voglia di continuare, insegnando a tutti che la vita è un grande dono. E Belli è un uomo che sorride, che ama la vita e la vive con positività, e tramite lo sport si realizza. Un esempio per tanti. A Luca Belli, il premio fair play è stato assegnato prima di tutto in quanto uomo, che ogni giorno trova la forza di opporsi all’handicap che sovente segna l’esistenza di tante persone e delle loro famiglie, e con lo sport trova le chiavi per aprirsi le porte di una vita normale.

Nella foto: Pietro Doppio, Peppinetto Musu e Luca Belli
Commenti
© 2000-2016 Mediatica sas