Alguer.it
Notizie    Video   
NOTIZIE
Alguer.it su YouTube Alguer.it su Facebook Alguer.it su Twitter
Alguer.itnotiziealgheroTurismoTurismoCap d’Any ad Alghero: si va verso il tutto esaurito
Daria Chiappe 20 dicembre 2014
Stando ai dati di sabato 20 dicembre, prenotate l’89percento delle strutture registrate su “Booking” e il 60percento degli hotel a quattro stelle. Atteso l’overbooking tra Natale e Capodanno. Le parole di Stefano Visconti del Consorzio turistico Riviera del Corallo
Cap d’Any ad Alghero: si va verso il tutto esaurito


ALGHERO – Si preannuncia un fine d’anno "boom" in Riviera del Corallo, che già da diverse settimane registra il tutto esaurito in buona parte delle strutture ricettive. Tra queste, ad essere stati immediatamente occupati, i bed and breakfast, specie quelli centrali, capaci di offrire tariffe più vantaggiose, se pur legate alla fascia dell’alta stagione. Buona tuttavia anche la situazione dei pochi hotel aperti in città (circa otto), che con i loro 1500 posti letto messi a disposizione sono riusciti ad oggi ad occupare il 60percento della capienza totale.

Un buon risultato, se si pensa che la maggior parte delle richieste vengono effettuate tra Natale e Capodanno, giorno in cui è difficile trovare posto ad Alghero. A dichiararlo Stefano Visconti, presidente del Consorzio Turistico Riviera del Corallo, il quale spiega che trattandosi di «un mercato interno, ovvero di sardi che non hanno bisogno di prenotare per tempo un aereo, le richieste per il Capodanno giungono alle strutture alberghiere sempre a ridosso del 31 dicembre, giorno in cui le stanze disponibili vengono occupate per il 100percento, contro il 65percento del 30 dicembre e del 1 gennaio». Le tariffe per camera, spiega poi, si aggirano intorno alla quota media di 140 euro negli hotel a 4 stelle, alla quale è possibile aggiungere circa 80 euro a persona per godere anche del Cenone presso la stessa struttura alberghiera.

Ma a confermare la notevole affluenza che anche quest’anno investirà la Riviera del Corallo durante la notte di San Silvestro c'è anche uno dei più noti siti di prenotazioni online, Booking, dal quale emerge che l’89percento delle stanze in vendita nelle strutture registrate, tra B&B, alberghi, appartamenti, agriturismo e affittacamere, non sono più disponibili. A parte quindi qualche buco libero ancora presente in città, i ritardatari dovranno accontentarsi di pernottare a non meno di 11 chilometri di distanza da Alghero, dove ancora qualche camera risulta invenduta.

Più a rilento procede invece la raccolta di adesioni per il Cenone di Capodanno da parte dei ristoranti cittadini, ancora alle prese con la preparazione dei menù o addirittura indecisi se aprire o meno. Un dubbio questo scaturito dalla convinzione diffusa tra gli imprenditori che la crisi non condurrà quest’anno un numero sufficiente di persone in ristorante. Effettivamente, tra i locali che hanno deciso di organizzare la cena di San Silvestro, ad oggi pochi risultano già al completo, con menù compresi tra i 45 e 100 euro.

Non è chiaro quindi come il pubblico del 31 dicembre trascorrerà l’ultimo dell’anno, ma certo è che ad Alghero sarà numeroso. Il merito va probabilmente riconosciuto, come accenna Visconti, «all’anticipo con il quale l’Amministrazione comunale ha pubblicizzato quest’anno il Cap d’Any, anche se tuttavia il Capodanno dal punto di vista delle presenze ad Alghero non è mai stato deludente». «E il problema è proprio questo – conclude poi Visconti portando avanti il discorso – non si può pensare di puntare solo al Capodanno e al fatto che gli introiti di dicembre delle strutture ricettive derivino solo dal trentunesimo giorno, perché finiti i botti, ad Alghero regna il deserto del Sahara».
Commenti
29/7/2016
La tempestività dell’azione lascia intravedere un’acutezza senza precedenti, perché si vorrebbe far credere che in due mesi (agosto e settembre) si possano creare le condizioni per stimolare la domanda turistica di Ottobre e Novembre, così a ridosso data
29/7/2016
Chi viaggia a bordo delle navi Grimaldi Lines sulle tratte Livorno-Olbia,Civitavecchia-Olbia e Civitavecchia-Porto Torres può usufruire di interessanti tariffe speciali per proseguire il suo viaggio: 20% di sconto su tutti i collegamenti marittimi operati da Delcomar tra Porto Torres e Asinara,
29/7/2016
Promuovere lo sviluppo turistico della fascia costiera da Stintino a Castelsardo. I comuni dell’Area Vasta a confronto a Porto Torres sulla valorizzazione di «un compendio naturalistico e balneare di primaria importanza che va promosso e reso decoroso e fruibile se si vogliono creare nuove occasioni di lavoro», ha detto Alessandro Pinna, presidente del circolo della Stampa e coordinatore cittadino del Partito dei Sardi
© 2000-2016 Mediatica sas