Alguer.it
Notizie    Video   
NOTIZIE
Alguer.it su YouTube Alguer.it su Facebook Alguer.it su Twitter
Alguer.itnotiziesardegnaCronacaArresti › Terrorismo neofascista: indagati due sardi
Red 23 dicembre 2014
Blitz dei carabinieri contro un gruppo eversivo legato la neofascismo. I carabinieri hanno anche documentato i ripetuti tentativi degli indagati di reperire armi
Terrorismo neofascista: indagati due sardi


ROMA - Blitz antiterrorismo dei carabinieri del Ros: 14 arresti, controlli e perquisizioni sono stati eseguiti in varie regioni italiane (Abruzzo, Lombardia, Piemonte, Lazio, Campania e anche Sardegna) su disposizione della magistratura dell'Aquila.

Contestualmente agli arresti sono state disposte perquisizioni a carico di altri 44 indagati, tra cui due sardi. Si tratta di gallurese del 1958 e residente a Oschiri e un 36enne cagliaritano residente a Oristano.

Al centro delle indagini del Ros, riferiscono gli investigatori, un gruppo fondato dal neofascista Stefano Manni, che - sulle orme di "Ordine Nuovo" - aveva messo in cantiere azioni violente nei confronti di "obiettivi istituzionali" utilizzando i social network come "strumenti di propaganda eversiva".
Commenti
21/7/2016
Quattro nuove ordinanze di custodia cautelare in carcere per la rapina del bancomat perpetrata presso l’aeroporto di Alghero lo scorso 19 settembre 2015. Tutti i dettagli in una conferenza stampa svoltasi stamane
19:14
Una piantagione di canapa indiana, con 1600 arbusti e dotata di un impianto automatico di irrigazione, è stata individuata dalla Polizia in località Su Canale vicino al cantiere della Olbia-Sassari
16:02
Altri due arresti messi a segno dai Carabinieri della Compagnia di Carbonia, che hanno così concluso l´operazione Arruga
21/7/2016
Un funzionario in servizio all´Ufficio Tutela del Paesaggio di Sassari-Olbia è stato arrestato per concussione dagli agenti del Nucleo investigativo del Corpo forestale della Sardegna
21/7/2016
Un 37enne di Olbia e un ungherese di 36 anni sono ritenuti i responsabili dell’organizzazione di un vasto giro di prostituzione, realizzato reclutando in Ungheria giovani e ignare ragazze che, una volta giunte in Italia, sono state ridotte in schiavitù, anche mediante violenza, e costrette a prostituirsi
© 2000-2016 Mediatica sas