Alguer.it
Notizie    Video   
NOTIZIE
Alguer.it su YouTube Alguer.it su Facebook Alguer.it su Twitter
Alguer.itnotiziesardegnaPoliticaTrasporti › Collegamenti marittimi: «no a nuovo monopolio»
A.B. 29 dicembre 2014
In materia di trasporti, «la Giunta batta un colpo», chiede l´ex presidente della Regione Autonoma della Sardegna Ugo Cappellacci
Collegamenti marittimi: «no a nuovo monopolio»


CAGLIARI - «Le operazioni societarie riguardanti la “Tirrenia” rischiano di configurare un monopolio o comunque la concentrazione in poche mani del mercato dei collegamenti marittimi». Lo ha dichiarato Ugo Cappellacci, consigliere regionale di Forza Italia ed ex presidente della Regione Autonoma della Sardegna.

«Poiché – sottolinea Cappellacci - ci troviamo di fronte ad un nuovo pericolo non solo per il diritto alla mobilità dei sardi, ma anche per quello delle imprese isolane ad avere libero accesso ai mercati extraregionali, la Giunta regionale non può limitarsi ad un ruolo passivo, da spettatrice. Peraltro – ricorda - l’ordine del giorno approvato dal Consiglio Regionale lo scorso giugno contiene precisi impegni per l’esecutivo: “a segnalare alle autorità competenti eventuali aumenti patologici ed altre anomalie che dovessero avere dei profili di illegittimità; a contrastare nelle sedi opportune ogni iniziativa ispirata a instaurare nel settore una situazione di monopolio o di cartello; a proseguire la rivendicazione al fine di individuare percorsi per attribuire nuovi e ulteriori strumenti politici e di governo agli indirizzi in materia”».

«Nella scorsa Legislatura – ha spiegato l'ex governatore dell'Isola - noi non abbiamo avuto remore a contestare sia la procedura di vendita della Tirrenia quel caro traghetti che abbiamo segnalato all’antitrust, ottenendo una clamorosa vittoria contro i signori del mare, contro i loro fiancheggiatori e lo stesso Governo. Altrettanto clamorosa fu la sentenza della Corte Costituzionale che, su nostro ricorso, finalmente riconosceva il diritto della Sardegna a non essere estromessa dalle scelte riguardanti i collegamenti marittimi. Prima di allora addirittura la convenzione Tirrenia era una sorta di documenti segreto, che neppure veniva mostrato ai politici sardi. Né abbiamo avuto timore a dare vita a quella flotta sarda che, non a caso, raccoglie molti consensi fuori dal palazzo ma viene contestata e infangata ingiustamente dagli apparati e dai difensori de “su connottu”. Oggi come allora – prosegue Cappellacci - occorre una precisa scelta di campo e occorre farla subito: o si sta dalla parte dei sardi o delle parte delle lobby. Dinanzi ad una questione cruciale per il futuro della nostra terra e in particolare per l’economia turistica – ha concluso il forzista- non sono ammissibili né diserzioni né comportamenti pialteschi».

Nella foto: l'ex presidente della Regione Sardegna Ugo Cappellacci
Commenti
10:10
L'associazione a difesa dei consumatori si sofferma sulla grave situazione dello scalo algherese alla prese con uan consistente perdita dei passeggeri dopo la dipartita di Ryanair e chiedono un rinvio della procedura di privatizzazione
17:13
Amministratori e rappresentanti dei comparti produttivi dell´isola si incontreranno ad Alghero per un nuovo incontro del tavolo permanente sul low cost
© 2000-2016 Mediatica sas