Alguer.it
Notizie    Video   
NOTIZIE
Alguer.it su YouTube Alguer.it su Facebook Alguer.it su Twitter
Alguer.itnotiziealgheroCulturaPoesia › Poesia: Fioritos de tanca a Villanova Monteleone
A.B. 29 dicembre 2014
Il 2014 villanovese si chiude nel segno della cultura, tra poesie e detti popolari in lingua sarda. Domani sera, il Salone Parrocchiale ospiterà la presentazione del libro di don Leonardo Iddau
Poesia: Fioritos de tanca a Villanova Monteleone


VILLANOVA MONTELEONE - Martedì 30 dicembre, alle ore 18, nel salone parrocchiale di Villanova Monteleone verranno presentati al pubblico i due volumi di poesie “Fioritos de tanca”, detti in rima di don Leonardo Iddau, nato a Villanova Monteleone nel 1928 e da giovane trasferitosi presso i salesiani di don Bosco a Torino. Alla manifestazione, organizzata dall’associazione culturale “Interrios”, in collaborazione con la “Soter Editrice” e con l’associazione culturale “Su Palatu”, interverranno il presidente dell'associazione Culturale “Inreggios” Leonardo Meloni, il traduttore dei testi dal sardo in italiano Salvatore Tola, il vescovo della Diocesi di Lanusei monsignor Antonello Mura e Salvatore Ligios, editore di tutta la produzione poetica di don Iddau. Modererà e coordinerà l’incontro il segretario dell’associazione culturale Interrios Bastianino Monti.

La serata sarà inoltre arricchita dalla proiezione di un minidocumentario di Vincenzo Ligios dal titolo: Don Leonardo Iddau “Flores de ammentu”. I testi contenuti in due volumi (testi in lingua sarda con traduzione in italiano a fronte, 287+264 pagine) di Fioritos de tanca, molti dei quali sarcastici, videro la luce nel 1983, quando don Iddau si trovava a Cuneo. I testi faranno conoscere a quanti avranno il piacere di leggerli, la cultura contadina di Villanova Monteleone di allora: luoghi, modi di dire e di fare, usanze e personaggi che non si conoscono più, ma che in questo modo vengono tramandati ai giovani, alle nuove generazioni sempre più immerse nel mondo dei social networks.

Nel corso della sua lunga attività di poeta, Leonardo Iddau ha composto versi secondo i metri tradizionali, ma ha anche messo a punto una forma particolare di composizione: sono brevi strofette nelle quali, a mezzo tra lo sguardo ironico ed il ricordo affettuoso, propone una riflessione a carattere soprattutto morale sull’universo paesano e contadino che ha conosciuto negli anni giovanili. Attraverso questi brevi scorci, che si succedono raccolti in capitoletti, si delinea il ritratto di un mondo ormai travolto per buona parte dal tempo. Don Franco Lotto, suo superiore a Torino, osserva che col passare del tempo, «questa passione per la propria terra e le proprie radici non si è per nulla spenta” ma “anzi è andata sempre affinandosi, assumendo anche una forma letteraria, poetica, espressione di una delicata e positiva nostalgia».

Nella foto: don Leonardo Iddau
Commenti
26/9/2016
Edgardo Franzosini nella sezione narrativa e Milo De Angelis nella sezione poesia sono i vincitori della trentunesima edizione del Premio letterario Giuseppe Dessì
© 2000-2016 Mediatica sas