Alguer.it
Notizie    Video   
NOTIZIE
Alguer.it su YouTube Alguer.it su Facebook Alguer.it su Twitter
Alguer.itnotiziesardegnaEconomiaEnogastronomia › Mercato: chiusura col botto per il pecorino romano
A.B. 8 gennaio 2015
Il prezzo è salito di 20 centesimi e sta per sfondare i 9euro al chilogrammo (attualmente, si attesta sugli 8,85euro). La soddisfazione di Coldiretti Sardegna
Mercato: chiusura col botto per il pecorino romano


CAGLIARI - Fine anno con il botto per il pecorino romano, che ha chiuso dodici mesi già trionfali con un ulteriore aumento, addirittura 20centesimi, arrivando a toccare 8,85euro al chilogrammo. Una notizia importante per tutto il comparto, perchè stiamo parlando del formaggio sardo più importante, quello che è sempre stato determinante per stabilire il prezzo del latte, soprattutto nei momenti di crisi. Notizia che, però, «come ormai ci siamo abituati – dichiarano dagli uffici della Coldiretti Sardegna - anziché essere annunciata urbi et orbi con orgoglio, viene lasciata cadere nel silenzio più totale, cosi come nel silenzio continuano a svolgersi le trattative e le firme dei contratti per la vendita del latte ovino».

«E’ arrivato il tempo di uscire allo scoperto e di pagare il latte ai pastori in modo equo – dichiara Battista Cualbu, rivolto al mondo della trasformazione privata – Il 2014 è stato quello del pecorino romano, il 2015 deve esserlo anche dei pastori. Le indiscrezioni di contratti per la vendita del latte firmati a 1,10euro a litro ci confortano, ma dobbiamo darne la massima pubblicità per evitare che nel corso delle trattative in modalità carbonare, come è stato scelto quest’anno, qualche pastore possa essere indotto ad accettare prezzi più bassi. Per questo – insiste il presidente della Coldiretti Sardegna – chiediamo la massima informazione consentendo a chi munge il latte di avere gli strumenti per condurre in modo cosciente le trattative. Con questi prezzi – avverte - non si possono accettare proposte sotto l’euro. Come stiamo andando dicendo da mesi la remunerazione giusta è sopra l’euro: l’1,10 non è un eresia, ma è proporzionale (per difetto) all’aumento del formaggio».

Infatti, secondo le analisi condotte dalla Coldiretti, se il prezzo del latte seguisse il trend del pecorino, dovrebbe essere pagato a non meno di 1,15euro al litro. «Tutti i dati in nostro possesso, come abbiamo spesso anticipato - sostiene il direttore Luca Saba – erano favorevoli al pecorino e lo saranno anche per il 2015. Il formaggio della scorsa stagione è ormai venduto a prezzi corrispondenti a 1,10euro a litro di latte, in media, che invece è stato retribuito a 0,85centesimi. Quest’anno non si accettano sconti, i contratti devono essere tutti sopra l’euro». «Per chi avesse firmato a prezzi sotto l’euro – dicono ai soci i vertici della Coldiretti – non indugi a ricontrattare. Stiamo assistendo ad una stagione straordinaria e cosi deve esserlo anche per i pastori. Lo si è fatto nelle annate negative, lo si deve fare oggi». «Accogliamo con favore – chiosano Cualbu e Saba – il piano di regolazione dell’offerta del Pecorino romano adottato dall’omonimo consorzio che ha fissato il tetto di produzione in 270mila quintali annui; adesso ci aspettiamo che anche la Giunta Regionale faccia la sua parte rispetto all’accordo interprofessionale che abbiamo più volte sollecitato, consentendo in questo modo di tutelare anche i produttori».

Nella foto: Battista Cualbu e Luca Saba
Commenti
14:29
Nonostante le festività pasquali siano trascorse da una sola settimana, gli agriturismo Campagna Amica che hanno registrato il pienone da nord a sud della Sardegna hanno già i centralini intasati per i prossimi due lunghi week-end in cui si festeggerà la festa della Liberazione e del Lavoro
21/4/2017
Alla 51° edizione del Vinitaly, la Cantina di Santa Maria La Palma ha vinto il premio nazionale di comunicazione "Il Meridiano del vino". Nella campagna per la cantina di Santa Maria la Palma, lo studente Francesco Manconi ha curato la fotografia e la postproduzione
© 2000-2017 Mediatica sas