Alguer.it
Notizie    Video   
NOTIZIE
Alguer.it su YouTube Alguer.it su Facebook Alguer.it su Twitter
Alguer.itnotiziealgheroCronacaSocietà › Alghero: festa a Sant´Abate, affetto ma senza rom
S.A. 12 gennaio 2015
Il Comitato per i festeggiamenti di Sant´Antonio Abate annuncia il programma della ricorrenza e poi auspica che l´amministrazione comunale non realizi il campo sosta nei terreni Laore antistanti la chiesa campestre
Alghero: festa a Sant´Abate, affetto ma senza rom


ALGHERO - Anche quest'anno si rinnova nell'Agro di Alghero l’appuntamento religioso con la ricorrenza di Sant'Antonio abate, Sant Antoni del Foc. Le celebrazioni, presiedute dal parroco don Filippo Dore, si svolgeranno all’insegna dell’antica tradizione che prevede l’accensione del falò il giorno antecedente la ricorrenza del santo patrono, nella chiesetta campestre in località Gutierrez.

I festeggiamenti avranno inizio venerdì 16: la S.Messa verrà celebrata alle 18:30; a seguire l’accensione e la benedizione del fuoco. Sabato 17, la funzione religiosa si terrà alle 11, seguita dalla processione con il simulacro del santo, lungo una strada interpoderale fino alla statua della Madonna dei Campi dove ci sarà la benedizione dei terreni e degli animali. Alla processione prenderanno parte le bandiere dei gremi cittadini e tutte le bandiere e gli stendardi provenienti non solo dalle borgate della Nurra ma anche da numerosissimi paesi della provincia.

«La chiesa di Sant’Antonio abate, seppure nascosta tra le campagne e molto modesta nella sua fattura, ha una sua storia che l’ha vista protagonista della vita delle campagne algheresi tra gli anni ’30 e ’50 quando ancora non esisteva la chiesa di Santa Maria la Palma e la chiesa di Fertilia era in costruzione. Alla piccola chiesetta rurale - che sta a poche centinaia di metri dall’aeroporto militare nell’antica borgata del Dopolavoro - sono devote decine di famiglie, in particolar modo quelle dei coloni e degli assegnatari dei terreni circostanti in un clima all’insegna della familiarità e della genuina semplicità» spiega in una nota il Comitato per i festeggiamenti. «Un sentimento di affetto forte che si manifesta annualmente anche con il perpetuarsi del rito dell’obriere colui che per tutto l’anno si occupa della chiesa e dell’organizzazione della festa religiosa. La struttura ricade sotto la giurisdizione parrocchiale di Fertilia e i piccoli interventi di gestione e manutenzione si svolgono grazie allo spirito collaborativo delle famiglie del circondario».

Una solidarietà, tuttavia, che escluderebbe la comunità rom: «questo clima di serenità e di familiarità è turbato dalle recenti voci che indicherebbero nei terreni Laore antistanti la chiesetta il sito prescelto per la realizzazione di nuovi campi di sosta per la popolazione di etnia Rom». E la nota si conclude con l'auspicio che l’Amministrazione Comunale non dia «seguito a questa volontà in quanto la chiesetta e i fabbricati circostanti sono già stati oggetto di ruberie ed di atti vandalici e tale decisione renderebbe vano il lavoro volontaristico che i numerosi fedeli e le associazioni stanno perpetuando per la valorizzazione e riqualificazione dell’antica borgata».
Commenti
27/5/2016
Per la prima volta vengono affrontati con una legge specifica i problemi e la tutela dei minori con disabilità grave cui vengono a mancare i familiari
26/5/2016
Gli auguri del sindaco di Sassari Nicola Sanna anche a Luigi Delogu “padre” del piano regolatore generale della città di Sassari
© 2000-2016 Mediatica sas