Alguer.it
Notizie    Video   
NOTIZIE
Alguer.it su YouTube Alguer.it su Facebook Alguer.it su Twitter
Alguer.itnotiziealgheroTurismoAmbiente › Turismo: è sempre tempo di Exploralghero
A.B. 12 gennaio 2015
Domenica 18 gennaio, la cooperativa algherese proporrà una nuova escursione fuori porta. Stavolta, si punterà al territorio ittirese nella zona del Lago Bidighinzu
Turismo: è sempre tempo di Exploralghero


ALGHERO - Domenica 18 gennaio, la “Cooperativa Exploralghero” proporrà una escursione fuori porta. I partecipanti potranno visitare il territorio del Comune di Ittiri nella zona del Lago Bidighinzu, alla scoperta di un percorso emozionante tra valli dal caratteristico verde brillante ed altopiani rocciosi degni di un film western.

Il percorso si sviluppa tra la macchia e le steppe tipiche delle zone di pascolo di montagna, con scenari mozzafiato e tracce di antiche civiltà come le domus de janas de S’Ena e Cannuia. La meta principale sarà il Monte Torru (662metri sul livello del mare), dove è arroccato l’omonimo Nuraghe. Il percorso proposto, di tipo escursionistico, ha una lunghezza di circa 6chilometri, tra andata e ritorno e la durata complessiva dell'escursione dovrebbe essere di circa tre ore e mezzo.

Gli organizzatori hanno spiegato che, per l'occasione, saranno indispensabili un discreto allenamento, scarpe da trekking, un abbigliamento adatto alla stagione, uno “scaccia acqua” ed una buona riserva di acqua. Inoltre, viene consigliato di portare un pranzo al sacco, che verrà consumato a metà percorso. Il ritrovo è previsto alle ore 9.15, in località Galboneddu (fronte Trony), con partenza un quarto d'ora dopo. Alle 10, breve sosta a Ittiri per radunare chi dovesse venire da altri comuni e l'escursione vera e propria inizierà alle ore 10.30. L'escursione si concluderà attorno alle 14. Il prezzo per l' escursione è di 10euro a persona. Per informazioni e prenotazioni è possibile telefonare al numero 331/3400862, oppure inviare una e-mail all'indirizzo web info@exploralghero.it.
Commenti
19:41
In vista dello sciopero proclamato per il 28 gennaio dalle segreterie territoriali delle organizzazioni sindacali Fp Cgil, Fit Cisl e Fiadel, le aziende che svolgono i servizi della raccolta dei rifiuti solidi urbani hanno attivato le procedure tese ad assicurare nella giornata di sabato i servizi minimi essenziali e le prestazioni indispensabili
9:10
«L’extrema ratio sarà la risoluzione del contratto. La sanzione più grave a cui si può arrivare è la rescissione del contratto qualora non verranno garantiti i servizi». L’assessore all’Ambiente Cristina Biancu non esclude come ultima soluzione un annullamento del contratto o l’applicazione di “penali” per una serie di disservizi registrati e contestati nel servizio di raccolta e pulizia della città
23/1/2017
Permane la forte criticità determinata da un pino crollato sul viale Sant´Ignazio da Laconi e che occupa l´intera carreggiata. Per questo il Comune di Cagliari ha prontamente provveduto a chiudere la strada alla circolazione dei veicoli
© 2000-2017 Mediatica sas