Alguer.it
Notizie    Video   
NOTIZIE
Alguer.it su YouTube Alguer.it su Facebook Alguer.it su Twitter
Alguer.itnotiziealgheroCronacaSanità › Incinta e al freddo, algherese fuori dal Civile
S.A. 13 gennaio 2015
Lo sfogo di una donna algherese, incinta di sette mesi, a cui lunedì mattina sarebbe stato rifiutato l´ingresso nel nosocomio prima dell´orario previsto
Incinta e al freddo, algherese fuori dal Civile


ALGHERO - «Questa mattina (lunedì ndr) mi sono recata all'ospedale di Alghero per fare delle analisi del sangue di buon mattino (6.15) perché avevo la necessità di essere a digiuno e nelle mie condizioni faccio molta fatica a uscire di casa senza aver mangiato. Con mia sorpresa non mi è stato consentito, nonostante la temperatura rigida, di entrare e sedermi all'interno dell'ospedale, perché un vigilantes della Europol mi ha comunicato che non era possibile accedere alla struttura prima delle 7, causa pulizie in corso».

Così inizia lo sfogo una donna algherese, incinta di sette mesi, a cui lunedì mattina sarebbe stato rifiutato l'ingresso nel nosocomio prima dell'orario previsto. Una regola della struttura, ma probabilmente derogabile in condizioni "eccezionali", come una gravidanza in stato avanzato.

«E' evidente che, nonostante non abbia visto nessuno fare le pulizie nello spazio preclusomi, sono rimasta in piedi sino a quasi le 7 del mattino, al freddo, insieme ad altre persone ormai rassegnate da questa situazione» prosegue la donna che lancia un messaggio agli organi competenti: «è mai possibile che non si possa risolvere la situazione con una migliore organizzazione del servizio?».
Commenti
18/1/2017
Le liti del Centrosinistra impediscono la discussione sulla riorganizzazione della rete ospedaliera. Purtroppo, anche nella delicata materia della sanità le liti del centrosinistra regionale hanno paralizzato la discussione di un importante progetto
18/1/2017
L’approvvigionamento è tornato alla normalità in tutti gli ospedali della Sardegna. Lo comunica l’Assessorato della Sanità, che per venerdì prossimo ha convocato un incontro con tutti i responsabili dei Centri trasfusionali
© 2000-2017 Mediatica sas