Alguer.it
Notizie    Video   
NOTIZIE
Alguer.it su YouTube Alguer.it su Facebook Alguer.it su Twitter
Alguer.itnotiziealgheroAmbienteAmbiente › Wwf e Lipu: «salviamo i grifoni nel Parco»
S.A. 16 gennaio 2015
Preoccupazione da parte delle sue associazioni ambientaliste sul Parco. Cda, orari e progetti: i punti affrontati dai due delegati Spada e Guillot
Wwf e Lipu: «salviamo i grifoni nel Parco»


ALGHERO - Nel giorno dell'elezione dei nuovi membri del Consiglio di amministrazione del Parco di Porto Conte [LEGGI], «le associazioni Wwf e Lipu esprimono preoccupazione per la situazione di stallo in cui versa l’Azienda Speciale del parco regionale di Porto Conte». Le associazioni Wwf e Lipu ritengono «incomprensibile che il parco naturale sia rimasto sprovvisto del suo organico funzionale e quindi chiuso alla pubblica fruizione nel periodo delle feste di Capodanno».

Per questo i suoi delegati, Carmelo Spada per il Wwf e Francesco Guillot per Lipu, «ritengono urgente che tra i primi atti e strategie il nuovo consiglio di amministrazione dell’azienda speciale, debba provvedere non solo ad un rapido riavvio delle attività ordinarie programmate ma anche specifici progetti di salvaguardia della biodiversità». Primo fra tutti, tutelare le specie esistenti.

«In particolare, un progetto organico per salvare dall’estinzione la colonia di grifoni di Punta Cristallo» dicono Spada e Guillot. «Sarebbe paradossale - concludono - che uno dei simboli del parco di Porto Conte, sulla cui salvaguardia le storiche associazioni ambientaliste Wwf e Lipu, sin dagli anni Settanta, hanno speso impegno e energie con progetti di tutela, si estingua».
Commenti
25/3/2017
Il vicepresidente del parco nazionale dell’Asinara, Antonio Diana e il sindaco Sean Wheeler incontreranno a Cagliari, lunedì 27 marzo, l’assessore regionale all’industria Maria Grazia Piras per discutere lo stato di attuazione dell’intervento sull’adeguamento del sistema idrico integrato di Cala d’Oliva
24/3/2017
In futuro si potrebbe lanciare un “concorso” a chi utilizza peggio le isole ecologiche. Dovevano essere un fiore all’occhiello del ripensamento dei rifiuti sulla strada e invece sono diventati contenitori di degrado e sporcizia
© 2000-2017 Mediatica sas