Alguer.it
Notizie    Video   
NOTIZIE
Alguer.it su YouTube Alguer.it su Facebook Alguer.it su Twitter
Alguer.itnotiziealgheroOpinioniAmbienteL'Amministrazione il vero punteruolo rosso in città
Pasqualina Bardino 19 gennaio 2015
L'opinione di Pasqualina Bardino
L'Amministrazione il vero punteruolo rosso in città


Passeggiando per Alghero è ormai impossibile ignorare i danni devastanti prodotti dal pericoloso insetto del punteruolo rosso. La moria di palme, uno dei simboli della Riviera del Corallo, continua a preoccupare soprattutto per la velocità con la quale le piante soccombono su tutto il territorio comunale, a causa di un parassita che non ha antagonisti naturali e contro il quale occorrono urgenti interventi straordinari. Ben diversa è la realtà dei fatti. Il Comune di Alghero, infatti, sembra aver deciso di combattere questa “guerra” con “le pistole ad acqua” anziché con i fucili e l’artiglieria pesante. Ecco come a novembre rispondeva il Sindaco Bruno, stizzito e seccato, alla preoccupata lettera a firma del Consigliere Regionale Marco Tedde, sui danni causati da punteruolo rosso.

«Sono sempre più preoccupanti i dati sulla lotta al nefasto insetto, che sta rischiando di assumere le dimensioni di una piaga biblica. Fino al settembre 2013 il Comune di Alghero poteva contare su una squadra dedicata a contrastare il pericoloso insetto e che oggi, invece, dispone solo di 4 unità a progetto che si occupano della manutenzione di tutto il verde urbano, il cui contratto scadrà nel maggio 2015». Pronta, sarcastica, fuori luogo e molto poco istituzionale, la risposta di Bruno: «Carissimo Onorevole, ti ringrazio per la premura con la quale m’intrattieni sulle problematiche del punteruolo. Voglio rassicurarti sul fatto che il Comune sta intervenendo con la massima attenzione e cura. I trattamenti, effettuati da personale specializzato,avvengono con regolarità su tutte le palme di proprietà pubblica e in particolare nelle aree “rosse”, cioè quelle più pregiate».

Una risposta che si commenta da sola. Tutto sotto controllo secondo il primo cittadino. Gli esiti “della massima attenzione e cura” di cui parla il Sindaco sono sotto gli occhi di tutti. È sufficiente guardarsi attorno, aprire il giornale, navigare sui social network per prendere tristemente atto che la realtà è un’altra. Numerose sono le foto di cittadini, visitatori e turisti che mostrano impietosamente l’inesorabile fine di una pianta che è ed è stata parte integrante del patrimonio naturalistico di Alghero. Ciò che si vede stride in modo imbarazzante con le rassicurazioni del Sindaco e con quanto da lui dichiarato circa il fatto che “i trattamenti avvengono con regolarità”
Ma la beffa è sempre dietro l’angolo.

Così il Sindaco delle palme morte e senza chioma, alleato del punteruolo rosso insieme alla sua maggioranza, del dileggio e dello “sfottò”, non trova nient’altro di meglio da fare che emettere un’ordinanza – n. 1 del 14/01/2015 – con la quale obbliga i cittadini algheresi proprietari di palme, ad effettuare a proprie spese la rimozione ed la distruzione delle palme irrimediabilmente compromesse o compiere trattamenti di prevenzione e risanamento, minacciando che chi non rispetterà l’obbligo verrà sanzionato anche penalmente. Siamo sicuri che, minacce a parte, gli algheresi faranno come sempre la loro parte. Lo siamo molto meno dell’Amministrazione Comunale, vero punteruolo rosso di questa città.

*Per il Circolo Popolare Europeo di Alghero
Commenti
12:11
È Marco Tedde, vicecapogruppo di Forza Italia in Consiglio Regionale, a ritornare sulla spinosa vicenda dell´inceneritore di Tossilo
10:10
Interrogazione del consigliere comunale sardista Davide Tellini sui disservizi e le difficoltà organizzative della società Ambiente 2.0 specialmente per la realtà condominiale
22/8/2016
Venerdì 26, sabato 27 e domenica 28 Agosto la cooperativa Exploralghero organizza tre appuntamenti alla scoperta di un curioso abitante del mare: la berta maggiore
23/8/2016
l Circolo Partito Democratico di Castelsardo interviene sull’annosa e fastidiosa vicenda legata alla potabilità dell’acqua della rete castellanese, alle mancanze dell’ente gestore dell’acqua stessa e dell’Amministrazione comunale
23/8/2016
L’intervento più urgente riguarda l’edificio che ospita la scuola media, in via Alghero, dove con una spesa di 15mila euro si procederà alla messa in sicurezza del fabbricato, con l’incapsulamento e il rivestimento murario delle pareti in cemento-amianto con cui, decenni fa, fu costruita la scuola
© 2000-2016 Mediatica sas