Alguer.it
Notizie    Video   
NOTIZIE
Alguer.it su YouTube Alguer.it su Facebook Alguer.it su Twitter
Alguer.itnotiziesardegnaPoliticaRegione › Tagli alla Sardegna, corto circuito politico
S.A. 19 gennaio 2015
L´isola è la Regione più penalizzata in Italia nella graduatoria dei tagli secondo un calcolo elaborato dal Centro studi del Sole 24 Ore. Le reazioni dell´assessore Paci e dell´Opposizione
Tagli alla Sardegna, corto circuito politico


CAGLIARI - La Sardegna è la Regione più penalizzata in Italia nella graduatoria dei tagli secondo un calcolo elaborato dal Centro studi del Sole 24 Ore. La spending review del Governo è di 4 miliardi di euro e i governatori hanno tempo sino al 31 gennaio per presentare una soluzione condivisa prima che scattino i tagli automatici decisi da Roma.

«La Sardegna non è la regione più penalizzata dalla legge di stabilità nazionale visto che nelle tabelle del Sole 24 Ore rileviamo un errore sulle cifre degli accantonamenti: per il 2015 infatti la somma è pari a 97 milioni e non a 273 milioni come è stato pubblicato e che riguardano, invece, la Regione Sicilia. Così per la 'spesa non sanitaria' il valore non è 9,1%, ma 3,2%» ha replicato all'Ansa l'assessore del Bilancio della Regione, Raffaele Paci, ricordando che «l'Isola è l'unica regione italiana che ha avuto la possibilità dal Governo di poter utilizzare i 200 milioni di riserve erariali per l'abbattimento del debito pubblico sardo».

Proteste dall'Opposizione. Il consigliere Ugo Cappellacci (Fi) commenta così la precisazione dell'assessore Raffaele Paci sui dati della manovra 2015: «per la Giunta dei professori sbagliano tutti: l'opposizione, i sindaci, alcuni assessori ai quali è sfuggita la verità, la direzione del Pd, i sindacati, le associazioni agricole, gli studenti universitari e ora anche Il Sole 24 Ore. Hanno ragione solo loro: dicono di avere molte risorse in più, ma quando si controllano le carte il segno è sempre meno e continuano i tagli da macelleria sociale sui settori strategici per la nostra economia».

«Ci auguriamo che abbia ragione Paci e che i toni trionfalistici dei giorni scorsi, allorché si decantavano grandi trasferimenti dallo Stato alla Ras non siano serviti a nascondere gravi errori nella programmazione economica e finanziaria da parte della Giunta Pigliaru”.
Sorprende, però, come, nonostante queste nuove entrate provenienti da Roma, e l'inserimento in Bilancio dei fondi comunitari (oltre un 1 miliardo di euro), la manovra finanziaria sia fatta per lo più di tagli e come ad ogni critica, l’assessore risponda con un “non avete capito, state sbagliando» ha commentato Paolo Truzzu, consigliere regionale di Foratelli d'Italia-An.
Commenti
26/4/2017
Il sindaco di Sassari Nicola Sanna ha lanciato un appello al presidente della Regione autonoma della Sardegna Francesco Pigliaru «affinché si utilizzi la deroga prevista nello schema del decreto ministeriale»
© 2000-2017 Mediatica sas