Alguer.it
Notizie    Video   
NOTIZIE
Alguer.it su YouTube Alguer.it su Facebook Alguer.it su Twitter
Alguer.itnotiziesardegnaPoliticaRegione › Cooperazione: isola terza nell´Ue
S.A. 19 gennaio 2015
Il presidente della Regione Francesco Pigliaru ha aperto il convegno “La nuova cooperazione internazionale”, organizzato dal Coordinamento della cooperazione internazionale della Sardegna e dalla Regione nei locali della Fondazione del Banco di Sardegna a Cagliari
Cooperazione: isola terza nell´Ue


CAGLIARI - «La Sardegna, per la sua posizione, è al centro di un dialogo possibile tra la sponda nord e quella sud del Mediterraneo e si candida ad essere il luogo in cui questo dialogo si intensifica e porta nuovi frutti»: è uno dei passaggi dell’intervento con il quale il presidente della Regione Francesco Pigliaru ha aperto il convegno “La nuova cooperazione internazionale”, organizzato dal Coordinamento della cooperazione internazionale della Sardegna e dalla Regione nei locali della Fondazione del Banco di Sardegna a Cagliari.

«La cooperazione internazionale è un tema cruciale in questa fase storica – ha spiegato il presidente - L'apertura dei mercati favorisce l'aumento della ricchezza ma non si occupa certamente della sua distribuzione: la cooperazione internazionale serve per garantire il governo di questi meccanismi e il ruolo della politica è quello di lavorare per includere, integrare, distribuire”. Questo, ha continuato Pigliaru, “era, dopo la guerra, il senso del Piano Marshall: non vincitori né vinti, ma tutti partecipi del proprio futuro. Lo sviluppo è partecipazione consapevole e questo che affrontiamo oggi è un grande tema sul quale non possiamo permetterci di balbettare».

Entrando nel merito, il capo dell’esecutivo regionale ha sottolineato l’importanza dell’approvazione, nell’agosto scorso, di una nuova legge che ha portato a compimento un dibattito sulla cooperazione internazionale durato vent’anni. Secondo il presidente Pigliaru, la nuova legge è caratterizzata dal la caratterizzata dal rispetto dei criteri di efficienza, trasparenza e economicità, attraverso una gestione delle risorse fondata sul coordinamento di tutti gli attori coinvolti nel quadro della cooperazione. Inoltre, l’istituzione di nuovi organismi, come il Comitato interministeriale, il Consiglio Nazionale per la cooperazione allo sviluppo, l’Agenzia, hanno la finalità di garantire la programmazione, il coordinamento e l’efficienza operativa degli interventi. Tuttavia, ha sottolineato il capo della giunta, ora che si è entrati nella fase di elaborazione dei decreti attuativi del testo, è opportuno limare alcuni aspetti, come ad esempio un coinvolgimento maggiore delle Regioni.

In questi anni, infatti, le regioni hanno saputo svolgere un ruolo importante nei processi di cooperazione, che ha portato alla creazione di partenariati stabili, aiuti concreti, benefici economici e creazione di fiducia reciproca tra diverse realtà territoriali. E proprio sotto quest’ottica la Sardegna ha sicuramente dato il suo contributo: la nostra esperienza come Autorità di Gestione del Programma ENPI CBC MED negli anni 2007-2013 è stata più che positiva (95 progetti finanziati), tanto che la Sardegna manterrà questa funzione anche nel nuovo arco di programmazione 2014-2020, con la gestione di 200 milioni di fondi europei per nuovi progetti dedicati allo sviluppo socioeconomico e alle sfide della tutela ambientale e dello sviluppo sostenibile.

Nella foto: Francesco Pigliaru
Commenti
30/5/2016
Conclusa la requisitoria a Cagliari, nell´ambito della prima tranche dell´inchiesta sull´utilizzo dei fondi ai gruppi politici della massima assise regionale dal 2004 al 2009. Gli imputati sono accusati di peculato
30/5/2016
«L´Europa tenga conto delle reali esigenze dei territori», dichiara il presidente della Regione Autonoma della Sardegna Francesco Pigliaru, presente a Forum per l´Agenda Urbana in Olanda
© 2000-2016 Mediatica sas