Alguer.it
Notizie    Video   
NOTIZIE
Alguer.it su YouTube Alguer.it su Facebook Alguer.it su Twitter
Alguer.itnotiziealgheroOpinioniAgricolturaSull'agro di Alghero la tempesta perfetta
Antonio Zidda 25 marzo 2015
L'opinione di Antonio Zidda
Sull'agro di Alghero la tempesta perfetta


Il Ppr attualmente in vigore, per fortuna, non lascia alcuno spazio alle speculazioni. Il nostro territorio deve ripartire al più presto dall'agricoltura e dal turismo rurale. Le nuove regole urbanistiche devono dare la possibilità alle comunità delle borgate di crearsi un reddito tale da consentire una vita dignitosa. Spopolamento, abbandono e depressione devono diventare solo un ricordo. Con l'aiuto dell'Amministrazione Comunale e regionale abbiamo oggi, per la prima volta dopo decenni, la possibilità di scatenare sull'agro di Alghero la tempesta perfetta: a breve sarà infatti approvato il Programma di Sviluppo Rurale (Psr) 2014–2020 della Regione Sardegna che prevede incentivi per milioni di euro per le attività agricole. Con la necessaria rapida approvazione del Piano di Valorizzazione della Bonifica si permetterà l'insediamento di nuove aziende agricole e il potenziamento di quelle esistenti, sfruttando i nuovi fondi del Psr. Lo scorso febbraio si è svolto a Bonassai l'incontro promosso dall'Assessorato Regionale all'Agricoltura, destinato a tutti coloro che hanno un'idea imprenditoriale da realizzare nel settore agricolo in Sardegna e vi hanno partecipato molti imprenditori agricoli e potenziali giovani imprenditori dell'agro di Alghero. Insomma, ci sono tutti gli elementi per far ripartire il nostro comparto agricolo.

* presidente del Comitato Zonale Nurra
Commenti
13:00
«I dati di novembre sono molto preoccupanti», dichiarano i vertici del Consorzio di Bonifica. Neanche le piogge di novembre sono bastate per far aumentare i livelli di acqua presenti all’interno della diga, che nell’ultimo mese ha perso un milione di metri cubi d’acqua
9/12/2016
Alla luce delle numerose richieste di sostegno finanziario, si è provveduto ad incrementare le risorse riservate al primo bando di adesione portandole a complessivi 65 milioni di euro
© 2000-2016 Mediatica sas