Alguer.it
Notizie    Video   
NOTIZIE
Alguer.it su YouTube Alguer.it su Facebook Alguer.it su Twitter
Alguer.itnotiziealgheroCronacaSanità › Trasporto sanitario Alghero-Palermo: NurSind vuole vederci chiaro
A.B. 25 marzo 2015
La Segreteria di Sassari del sindacato torna sulla vicenda che è esplosa il mese scorso sulla stampa a riguardo della vicenda che ha visto protagonista il direttore del 118 palermitano Gaetano Marchese
Trasporto sanitario Alghero-Palermo: NurSind vuole vederci chiaro


ALGHERO - La Segreteria NurSind di Sassari torna sulla vicenda che è esplosa il mese scorso sulla stampa [LEGGI] [LEGGI] [LEGGI] [LEGGI] a riguardo della vicenda che ha visto protagonista il direttore del 118 palermitano Gaetano Marchese. E lo fa ripercorrendo tutti i momenti dell'accaduto, affidandosi anche a quanto apparso appunto sugli organi di stampa regionali e nazionali.

Sabato 21 febbraio 2015 appare sulla stampa la notizia del volo in elicottero da Palermo ad Alghero per riportare in Sicilia il direttore del 118 di Palermo dottor Marchese, in dimissione volontaria dal Pronto soccorso di Alghero. La vicenda è nota e ha destato lo sdegno della nazione intera ed è all'attenzione della magistratura che ha aperto un’inchiesta. Un uso privato dei mezzi di soccorso pubblici in barba a qualsiasi regola e prassi che viene imputato alla sola responsabilità dello stesso Marchese in quanto la Asl 1 di Sassari dispone di tutto quanto necessario per la cura del caso. Sul quotidiano Unione Sarda a firma della giornalista Patrizia Canu si riporta un virgolettato senza però citare a chi appartengano le parole riferite: «accompagnano in ambulanza, col medico a bordo, all'aeroporto di Fertilia, un paziente che ha appena rifiutato il ricovero. E nessun paziente – precisa la Asl – dopo aver rifiutato il ricovero, può usufruire di un servizio di emergenza a spese dello stato, deve farlo con ambulanze private a proprie spese». Ciò che conta però è la notizia che emerge e cioè che il 118 di Sassari avrebbe autorizzato l'utilizzo dell'automedica di Alghero, unico mezzo di soccorso avanzato a disposizione della città e del suo territorio, sottraendolo di fatto alla disponibilità della cittadinanza, per effettuare un trasporto privato dall'ospedale all'aeroporto, di un cittadino che ha appena firmato la dimissione volontaria dal nosocomio, il tutto su precise disposizioni della Centrale Operativa 118 Sassari.

Cosa sarebbe successo se durante il tempo in cui l'ambulanza non era a disposizione della comunità (oltre un'ora), a un qualsiasi cittadino fosse occorso un evento medico grave o un incidente? Come avrebbe risposto il servizio? Con quali mezzi? Come si sarebbe giustificata la mancanza di soccorsi avanzati di fronte ad un fatto grave, magari mortale? Chi si sarebbe assunto la responsabilità di aver sottratto il mezzo di soccorso avanzato all'uso preposto? Il tutto sarà poi confermato dalla pubblicazione delle registrazioni audio reperibili in un articolo de “La Repubblica” edizione di Palermo e con grande clamore viene ripresa la notizia nella puntata di “Piazza Pulita” andata in onda il 24 marzo su “La 7” in prima serata. L'audio delle conversazioni conferma che l'operatore e il medico di centrale 118 Sassari acconsentono alla richiesta dell'uso dell'ambulanza che perviene dai colleghi del 118 di Palermo e la missione viene autorizzata e portata a compimento. Il tutto avviene fuori dai protocolli con autorizzazione del direttore del 118 di Sassari. Responsabilità e gravità dell'accaduto saranno valutate dalla magistratura. A noi preme sottolineare come, in questo e in tutti gli altri casi sollevati dalla nostra Segreteria, ricorra il tema dell'uso della cosa pubblica gestita come proprietà privata. Chi sarà allontanato questa volta per “gestione inappropriata evento di soccorso” e quali provvedimenti richiederà? Chi riterrà tale condotta “grave e lesiva” e “non in linea con con la mission del sistema di emergenza 118”? Al fine di “evitare possibili ulteriori errori o quasi errori”, chi disporrà il trasferimento ad altro servizio dell’infermiere che ha gestito l’evento? Chi allontanerà il medico che ha dato disposizioni? Ci penserà la direzione generale, sempre molto attenta alle vicende del 118? Interverrà personalmente l'assessore Arru a riportare la necessaria trasparenza in un servizio che trasparenza non ha?
Commenti
17/2/2018
Tumore asportato completamente dopo sette ore di intervento. «Giornata importante, una grande speranza per i pazienti sardi», dichiara il direttore della Struttura complessa di Chirurgia generale polispecialististica Pietro Giorgio Calò
13:10
Emessi già provvedimenti di pagamento per le aziende, nel pieno rispetto dell’efficienza e dell’efficacia dell’azione amministrativa. Intanto il dialogo tra aziende fornitrici e Aou non è mai venuto meno
17/2/2018
«Come più volte ribadito nei vari incontri con i farmacisti in attesa di assegnazione della sede, il procedimento amministrativo è al termine e, presumibilmente, per la fine del prossimo mese ci sarà la pubblicazione dell’interpello», dichiara l’assessore regionale della Sanità
17/2/2018
All’apertura ufficiale, erano presenti il presidente della Regione autonoma della Sardegna Francesco Pigliaru, gli assessori regionali della Sanità e degli Enti locali Luigi Arru e Cristiano Erriu, il direttore generale dell’Ats Fulvio Moirano, il sindaco Ferdinando Pellegrini, consiglieri regionali e parlamentari del territorio
16/2/2018
I capi abbattuti erano al pascolo brado illegale, privi di controlli sanitari, non registrati e di ignota proprietà. Prosegue l´attività dell´Unità di progetto per l´eradicazione della peste suina africana in Sardegna
16/2/2018
Revoca dell´ordinanza sindacale che vietava il consumo umano diretto dell´acqua della condotta nelle vie di Biancareddu e de La Corte
16/2/2018
È stato adottato il Piano triennale 2018-2020 per lo Sviluppo del sistema informativo dell’Ats. Si tratta del primo atto formale del progetto di innovazione informatica e digitale, ideato nel 2017 con la nascita dell’Ats e coordinato dall’Area Tecnologie dell´informazione e comunicazione, che punta ad uniformare e migliorare il servizio informatico dell’azienda
© 2000-2018 Mediatica sas