Alguer.it
Notizie    Video   
NOTIZIE
Alguer.it su YouTube Alguer.it su Facebook Alguer.it su Twitter
Alguer.itnotizieoristanoInternetAssociazionismo › Associazioni volontari: incontro a Tramatza
A.B. 28 settembre 2015
Le oltre ottocento associazioni di volontariato sarde in rete si incontrano per il sesto forum dal tema Online o offline? Il futuro della rete telematica SaSolDesk
Associazioni volontari: incontro a Tramatza


TRAMATZA - Oltre ottocento associazioni isolane di volontariato sono in rete grazie al progetto “SaSolDesk”, l’iniziativa di “Sardegna Solidale”, che (unica nel suo genere in Italia) consente ai gruppi di usufruire di una serie di servizi telematici per migliorare la loro attività e la loro presenza nel territorio. Proprio per fare il punto sul progetto a sei anni dal suo avvio, mercoledì 30 settembre, si svolgerà a Tramatza il sesto forum delle associazioni di volontariato aderenti alla rete dal tema “Online o offline? Il futuro della rete telematica SaSolDesk”. L’appuntamento è per le ore 16 nella sala convegni dell’“Hotel Anfora”, al chilometro103 della Strada Statale131. I lavori, introdotti dal presidente di Sardegna Solidale Giampiero Farru, proseguiranno con gli interventi di Bruno Loviselli (del “CoGe Sardegna”), di don Angelo Pittau (presidente del comitato promotore di Sardegna Solidale) e di Michele Lavizzari, responsabile della Divisione Business della “Tiscali”. Seguirà il dibattito con i responsabili delle organizzazioni di volontariato.

La rete telematica SaSolDesk, nata nel 2010 come progetto promosso dal Centro di Servizio per il Volontariato Sardegna Solidale con il beneplacito del CoGe Sardegna e delle fondazioni erogatrici, successivamente è diventata un servizio ordinario offerto da Sardegna Solidale alle associazioni che hanno fatto e fanno esplicita richiesta di adesione. Punto di partenza è stato il bisogno fortemente espresso e rappresentato dai gruppi di aiutarli a fare rete ed a programmare, progettare, lavorare insieme, utilizzando le tecnologie oggi disponibili. È nata così la rete telematica SaSolDesk, un servizio originale, ambizioso ed unico nel suo genere in Italia per dimensione e per capillarità nel territorio. I SaSolDesk sono al contempo luoghi fisici e telematici. Si tratta, in concreto, dell'offerta di un nutrito pacchetto di servizi, a partire dall'installazione in comodato d'uso gratuito (nella sede di ogni singola associazione che ne fa esplicita richiesta) di una postazione telematica completa (composta da tower, monitor, tastiera, mouse, lettori multimediali, masterizzatore e stampante multifunzione) e della fornitura della linea Adsl per la navigazione in Internet, annualmente rinnovabile.

Tra tutti i SaSolDesk che vengono attivati, è attiva una “Vpn”, che permette lo scambio di qualsiasi tipologia di documento e di accesso alla documentazione messa a disposizione da Sardegna Solidale, in tempo reale ed in totale sicurezza. Inoltre, ad ogni associazione aderente viene offerto un mini-sito internet sul portale di Sardegna Solidale. Nella sezione “Associazioni” di questo portale, sono riportate tutte le organizzazioni di volontariato che aderiscono alla rete telematica ed i rispettivi siti internet, con indicazioni sulle attività e sui riferimenti logistici. Inoltre, dall'anno di nascita della Rete ad oggi, si sono aggiunti servizi diventati ormai irrinunciabili, come la Posta Elettronica Certificata (obbligatoria, dall'inizio del 2016, per le associazioni iscritte al registro generale del volontariato della Regione Sardegna); il kit di firma digitale, strumento indispensabile per sottoscrivere digitalmente atti, documenti e progetti e altro; le sim card (con smartphone) prepagate con navigazione internet, servizi voce e rubrica precaricata contenente tutti i riferimenti delle organizzazioni aderenti al SaSolDesk. Nei fatti, una vera e propria “banca dati” delle associazioni, implementabile all'occorrenza.

Si tratta quindi di un vero e proprio “servizio a domicilio”, che comprende ed ingloba tutti i servizi offerti da Sardegna Solidale. Un servizio che permette uno scambio multilaterale: se da una parte si può accedere ai servizi offerti dal “Csv”, dall’altra si può far conoscere al Csv, ai “SaSolPoint” ed a tutte le organizzazioni di volontariato in rete le iniziative, le attività e le comunicazioni relative alla propria associazione. Oggi, a fronte di oltre 900 richieste di adesione, le organizzazioni di volontariato della Sardegna attive nella rete telematica SaSolDesk sono oltre 800 e, anche grazie agli strumenti di cui dispongono, possono promuovere meglio nella società la cultura della solidarietà, la cultura della cittadinanza attiva e della legalità e realizzare le sinergie per costruire bene comune nella prospettiva di una società solidale e giusta.
12/12/2017
Ieri pomeriggio, il segretario regionale dell´Unione generale del lavoro Sardegna Sandro Pilleri ha incontrato sindacalisti, iscritti e simpatizzanti del capoluogo barbaricino alla presenza del neoeletto segretario Simone Testoni
© 2000-2017 Mediatica sas