Skin ADV
Alguer.it
Notizie    Video   
NOTIZIE
Alguer.it su YouTube Alguer.it su Facebook Alguer.it su Twitter
Alguer.itnotiziealgheroTurismoRicettività › Tassa soggiorno, albergatori: «Troppi abusivi e sommerso»
S.A. 27 ottobre 2015 video
A commentare i dati ufficiali sul ricavato dell'imposta di soggiorno ad Alghero è il presidente del Consorzio Turistico Riviera del Corallo Stefano Visconti che invita a lavorare sul sommerso. Numerose le strutture censite e presenti sul web di cui manca la dichiarazione (anche hotel). L'intervista
Tassa soggiorno, albergatori: «Troppi abusivi e sommerso»


ALGHERO - «Una raccolta andata oltre le più rosee aspettative, nei primi tre trimestri sfiora il milione e 100mila euro. Per ora è pagata prevalentemente da una categoria di turisti, quelli ospitati negli alberghi tre, quattro e cinque stelle che con orgoglio partecipano per l'80%». A commentare i dati ufficiali sul ricavato dell'imposta di soggiorno ad Alghero è il presidente del Consorzio Turistico Riviera del Corallo Stefano Visconti che, alle parole del sindaco e la sua giunta - che lunedì hanno illustrato il report in un incontro pubblico a Lo Quarter [LEGGI] - accompagna una riflessione sulla fonte del gettito: «un po pochino» quella garantita dalle seconde case, ad esempio, che versano «ben lo 0,43%» dice con una punta di ironia.

Come dargli torto, dunque, quando il numero uno del Consorzio invita a lavorare «di più su questo fatto perché la tax city è equa quando viene pagata da tutte le tipologie di turisti». Il riferimento è chiaro: «serve una lotta al sommerso più efficace: è solo cominciata ma è ancora insussistente per stessa ammissione dell'amministrazione comunale. Auspichiamo che questa sia la priorità, cioè allargare la piattaforma imponibile».

D'altronde è stato lo stesso primo cittadino in un passaggio durante l'incontro di ieri a sottolineare di come una parte rilevante delle strutture censite, addirittura una cinquantina tra alberghi, b&b e seconde case, non abbia ancora fatto dichiarazione. Tra queste ci sarebbero diverse strutture regolarmente presenti sul web. E poi ci sono quelle che non sono nemmeno registrate. Per tutti ci saranno controlli incrociati di Finanza (con cui è stato sottoscritto un protocollo) e amministrazione. Per questo Visconti, davanti all'indiscrezione annunciata dal Quotidiano di Alghero e ancora non confermata da Sant'Anna [LEGGI], in merito ad un possibile ritocco delle tariffe insiste: «se viene pagata da tutti si possono anche rimodulare verso il basso».

© 2000-2019 Mediatica sas